24 maggio 2016
Inserito da:
Categorie: Global Allocation
0 Commenta

  

La presenza di società appartenenti al continente africano nei fondi azionari dedicati ai Frontier Markets è stata ridotta di fronte a tre fattori chiave: il calo dei prezzi delle materie prime, un minore afflusso di investimenti esteri e l’acuirsi di situazioni geopolitiche difficili da gestire. Infatti il 2015 è stato un anno difficile per gran parte dell'Africa; la crescita media delle economie africane è tornata sotto il trend di lungo periodo del 5% fermandosi al 3,6%. Anche il totale dei flussi finanziari è diminuito del 12,8% a 188,8 miliardi di dollari, nonostante il rapporto Tassazione/Pil è sceso al 17,9% rispetto al 18,7% del 2014. Secondo il rapporto AEO, African Economic Outlook 2016, il rallentamento della produzione nelle principali economie emergenti è stato associato ad un più basso livello dei prezzi delle materie prime, in particolare su metalli e petrolio...

21 maggio 2016
Inserito da:
0 Commenta

   

L’inflazione Usa allarma la FED

Ci sono almeno tre aspetti che non convincono gli investitori: a) la prudenza degli strategist di portafoglio che sono tornati ad aumentare la parte di liquidità nei fondi, abbassato la quota azionaria e aumentato le raccomandazioni sulle classi da attivo alternative; b) il dubbio sui ritorni attesi in parte condizionati da una calo degli utili aziendali e dall’altro di una possibile ripresa inflattiva in Usa; e c) le stime macroeconomiche in ripresa dai minimi di febbraio ma ancora ritenute deboli ed incerte. In settimana ha infatti impressionato il rialzo inflattivo segnalato del dato statunitense del Consumer Price Index balzato inaspettatamente a +0,4% sul mese precedente, un amento che non si rilevava dall’inizio 2013. Un elemento di giudizio importante per il processo di restringimento in discussione alla FED...

20 maggio 2016
Inserito da:
Categorie: Global Allocation
0 Commenta

        

Gli Strategist di portafoglio stanno evidenziando una situazione di bassa visibilità sui trend dei mercati finanziari. La discussione più comune in effetti vede da un lato la necessità di evitare rischi in considerazione della stagionalità estiva, statisticamente con volatilità più elevata, e dall’altro la probabilità di ritrovarsi con il portafoglio coinvolto o impattato da un errato calcolo del rischio a fronte di un evento. In questo periodo in realtà risulta difficile quantificare il 'giusto' rischio ai diversi eventi sensibili ai diversi portafogli.      

L’evento straordinario o imprevedibile

Con il termine "Black Swan” o cigno nero, coniato da Nassim Nicholas Taleb nel suo libro del 2007 “The Black Swan” si intende l'incertezza e il rischio posto da eventi imprevedibili. Nella realtà delle analisi finanziarie un evento ...

17 maggio 2016
Inserito da:
Categorie: Global Allocation
0 Commenta

   

Gli analisti stanno monitorando con particolare attenzione gli indicatori che arrivano dall’Asia per verificare un eventuale aumento della volatilità nel prossimo periodo estivo. I timori sono legati ad una possibile delusione sui dati di crescita economica, con epicentro in Cina, che metterebbe in tensione i principali indici finanziari del Far East. Gli aspetti analizzati riguardano possibili segnali di criticità derivanti da tre punti: a) una riduzione della liquidità e liquidabilità dei listini con evidenza di una graduale flessione dei volumi di negoziazione, b) una diminuzione della spesa per infrastrutture dopo che nel 2015 il dato aveva toccato i massimi storici e l’offerta in eccesso sul settore immobiliare, e c) il fattore di rischio ‘deflattivo’ che rimetterebbe in discussione la stabilità delle valute emergenti asiatiche...

14 maggio 2016
Inserito da:
0 Commenta

       

Eurozona in tenuta

 

I dati di crescita del PIL dell'Eurozona vedono un primo trimestre sotto le stime preliminari: unica sorpresa positiva la Germania. Il dato dell'Eurozona è stato ritoccato a 0,5% dallo 0,6% (in realtà marginalmente sui decimali: da 0,55% a 0,52) sul quarto periodo del 2015; bene Spagna (+0,8%) e Germania (+0,7%). Francia (+0,5%) e Italia (+0,3%) sono leggermente in recupero rispetto al trimestre precedente. Paesi in coda Portogallo e Grecia rispettivamente +0,1% e -0,4%. Consumi sostenuti dall'aumento del reddito disponibile, rispetto al calo dei prezzi dell'energia, tasso di inflazione negativo (-0,2% l'ultimo dato) e disoccupazione ai minimi di periodo...

Visualizza
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Schroders
Fidelity
UBS Global Asset Management
Invest Banca Spa
Axa Investment Managers
AB Global
Pioneer Investments
J.P.Morgan Asset Management
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
iShares
University Campus
Categorie