21 ottobre 2021
Inserito da:
0 Commenta

 

La notizia delle dimissioni a sorpresa del presidente della Bundesbank Jens Weidmann, dopo dieci anni alla guida della banca centrale tedesca, non ha condizionato gli operatori che anzi si sono convinti che la nuova posizione nel consiglio della BCE troverà un banchiere più aperto agli impegni espansivi a cui lui si è sempre dimostrato contrario. Sono invece i tanti problemi di approvvigionamento che si sono concentrati sull’industria tedesca a preoccupare gli operatori finanziari. Secondo l'istituto IFO, ad inizio estate, i due terzi delle aziende tedesche presentava difficoltà nella ricezione delle forniture dei beni essenziali alla propria produzione. Ma oltre alla carenza fisica di materie prime e prodotti intermedi sono stati i prezzi a sollevare molte perplessità: l’aumento dei costi delle materie prime si è riflesso nei prezzi alla produzione ad agosto 2021 con un +12% rispetto all'anno precedente. Il disallineamento tra domanda ed offerta ha dapprima costretto i fornitori ad attingere dalle scorte di prodotti finiti per poi innestare un processo vizioso che sta creando aumenti di prezzo significativi per tutti i prodotti finiti. Da inizio anno l’indice CRB Commodity presenta un rialzo del 43,3%, il petrolio WTI è aumentato del 71,4%, mentre il gas LPG è più che triplicato; al pari gli EU Carbon Permits (permessi di carbonio) sono aumentati da inizio anno di 25,88 EUR pari al 79,10%; oggi siamo vicini al livello più alto per tonnellata dal lancio del mercato UE nel 2005. Di fatto è proprio l'Unione Europea che ospita il più grande mercato di scambio di permessi di carbonio al mondo; le emissioni di anidride carbonica nell’aria sono sempre più regolamentate per molte produzioni e le quote in eccesso possono essere quindi acquistate e vendute ...

16 ottobre 2021
Inserito da:
0 Commenta

 

Secondo le analisi di alcuni gestori di portafoglio, le recenti fasi di presa di profitto degli asset rischiosi sono state condizionate dal ridimensionamento delle prospettive di crescita economica globale, ma anche da fattori di ‘disturbo’ quali sopravalutazioni di alcuni indici finanziari, problemi di approvvigionamento, dubbi sulla temporaneità dell’aumento dei prezzi di materie prime e petrolio, e non ultimo il caso immobiliare cinese Evergrande. Eppure con uno sguardo a più lungo raggio i fondamentali macroeconomici sembrano rimanere solidi ancora per un periodo significativo.  Il PMI globale, costantemente migliorato da aprile, ha subìto una pausa estiva, ma è nuovamente aumentato a settembre sia per i servizi che per il manifatturiero. Rimangono notevoli strozzature nell'offerta del settore manifatturiero con tempi di consegna e prezzi dei fattori di produzione storicamente elevati; tuttavia, l’indice vede i nuovi ordini in leggera ripresa e attese della produzione a medio termine in buona salute. Tutto questo suggerisce che le aziende stanno guardando oltre le problematiche correnti, in uno scenario economico che ha bisogno della normalizzazione post pandemica ...

13 ottobre 2021
Inserito da:
Categorie: Global Equities
0 Commenta

 

Negli Stati Uniti sono in arrivo i report societari che riguardano l’andamento del terzo trimestre; il dato risulta come sempre molto atteso perché vuole da un lato verificare le previsioni passate, ma soprattutto rileggere qual è il trend previsto per l’ultimo periodo dell’anno. Intanto i dati prospettici, dopo solo il 5% dei report consegnati per capitalizzazione dell’indice S&P500, segnalano due effetti contrapposti ovvero il primo riferito alla crescita degli utili del 27,3% sul terzo trimestre 2020 (+21,2% sul relativo periodo del 2019); il secondo, più sorprendente, riguarda il calo del 7,3% dei profitti rispetto al secondo trimestre 2021. In effetti stiamo assistendo ad uno scenario in piena evoluzione, con un ottimo rimbalzo della crescita economica a seguito dell’accelerazione delle vaccinazioni, e ad una estesa iniezione di fiducia estiva. Settembre ha comunque visto una revisione importante dell’atteggiamento delle maggiori banche centrali, pronte a tagliare l’eccesso di liquidità immessa a fronte dell’emergenza pandemica; l’avviso dei banchieri arriva anche a seguito di una vistosa ripresa dei prezzi di materie prime e prodotti energetici capaci di spingere i tassi di inflazione al consumo ancora per qualche tempo ...

9 ottobre 2021
Inserito da:
0 Commenta

 

Con il rientro dell’indice di volatilità VIX sotto i 20 punti, da inizio ottobre l’S&P500 ha ritrovato una reattività positiva; rimangano in chiaroscuro alcuni temi: mercato del lavoro, tapering e tetto del debito statunitense. Sul lavoro i dati di settembre sono risultati di nuovo sotto le aspettative e in linea con il trend di agosto. I ‘Nonfarm payrolls’, nuovi occupati non agricoli ma di industria e servizi, sono aumentati di 194.000 unità rispetto a stime di 500.000; il tasso di disoccupazione è comunque sceso al 4,8%, meglio delle attese di 5,1%. Il dato complessivo è stato condizionato dal calo di 123.000 lavoratori governativi e supportato dall’aumento di 317.000 del settore privato, ma anche da una minore ricerca di lavoro. Il limitato numero di nuovi ingressi ha comunque parzialmente deluso gli operatori, mentre evidenzia un ulteriore tassello per le proiezioni economiche e le scelte di tapering della FED. Sul tema del ‘tetto del debito’ i legislatori statunitensi hanno annunciato giovedì scorso di aver raggiunto un accordo per un aumento di 480 mld$, ammontare che il dipartimento del Tesoro Usa ritiene sufficiente fino al prossimo 3 dicembre ...

6 ottobre 2021
Inserito da:
0 Commenta

 

Si è svolta oggi la Tavola Rotonda Virtuale della community dal titolo: 

Fattore ‘Colli di Bottiglia’ … Il periodo estivo ha cominciato a marcare alcuni trend già presenti nelle riflessioni di inizio anno, ma che prima del loro ingresso in campo avevano bisogno di smarcare il tema della vaccinazione anti Covid; in primo luogo il Tapering delle banche centrali a fronte delle diverse velocità di ripresa economica; il secondo quello dei prezzi di materie prime e prodotti energetici, elementi del processo reflattivo; il terzo quello geopolitico con la figura di Joe Biden al centro di un’arena che vede Usa, Cina e Europa in una ampia negoziazione commerciale, industriale, ambientale e digitale ...

… Nel recente periodo estivo le borse azionarie cinesi sono state ostaggio di una volatilità nettamente superiore ai maggiori mercati internazionali, fattore che continua ad influenzarne negativamente le performance; da inizio anno l’indice MSCI World in val loc è salito del 13,8%, mentre il MCSI China val loc ha perso il 19,4%. Il nervo scoperto cinese risulta la crescita economica …

Per le stime di crescita globale degli utili societari, oltre al fattore Cina, si aggiunge il ‘collo di bottiglia’ delle catene di approvvigionamento, vedi il problema di microchip e semilavorati, ma anche dell’impennata dei costi di noli marittimi e trasporti in genere.

Relatori alla Tavola Rotonda Virtuale:

Kurt Schappelwein Responsabile Team Multi-Asset Strategies di Raiffeisen Capital Management; Giancarlo Sandrin Country Head Italy di LGIM Managers (Europe); Manuel Pozzi Investment Director Italy di M&G Investments, Maria Paola Toschi Global Market Strategist di J.P.Morgan Asset Management; Antonino Cipriano Senior Sales Manager di BNP Paribas Asset Management, Andreas Riegler Responsabile Team Global Fixed Income di Raiffeisen Capital Management; Massimo Dalla Vedova Director Financial Institutions di Alliance Bernstein; Toby Nangle Global Head of Asset Allocation, Head of Multi-Asset, EMEA di Columbia Threadneedle Investments; Cristiano Iacopozzi Docente di Asset Allocation, Facoltà di Economia, Università di Siena e Corrado Caironi Chief Investment Strategist di R&CA

Leggi la Investment Newsletter con le minute della Tavola Rotonda Virtuale cliccando sul seguente link:

Minute della TRV: Fattore ‘Colli di Bottiglia’ 

Visualizza
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Fidelity
iShares
J.P.Morgan Asset Management
AB Global
Axa Investment Managers
UBS Global Asset Management
Pioneer Investments
Schroders
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
Invest Banca Spa
University Campus
Categorie