12 febbraio 2020
Inserito da:
0
Nuovi Record per l’S&P500

 

Sono in aumento gli strategist che indicano un aumento del divario fra valutazioni degli indici azionari statunitensi e quelli internazionali con indicazioni per un alleggerimento del peso azionario dagli Stati Uniti a favore del Resto del Mondo (RoW). Tra le motivazioni ci sono in primo luogo le valutazioni con multipli crescenti negli ultimi mesi dell’indice S&P500: da inizio ottobre i P/E fwd 12m sono passati da 16,5x agli attuali 18,8x, con una performance dell’indice di + 14,7% (da 2940 a 3373 punti) a fronte di una stabilità dei profitti. In secondo luogo possiamo aggiungere una negoziazione commerciale positiva della ‘Fase Uno’ tra Cina e Stati Uniti. C’è anche un aspetto psicologico che porta continui acquisti sugli indici statunitensi ovvero la paura di rimanere fuori dal rialzo: lo spirito degli anni 2010 promosso dai millennials è stato abilmente tradotto in acronimi quali FOMO (Fear of Missing Out) e YOLO (You Only Live Once). I due termini sembrano esprimere lo spirito più comune del ‘Carpe Diem’ dove vivere il momento significa anche massimizzare ogni opportunità all’interno di un cambiamento sociale ed economico.

Forte domanda per l’azionario

Dal punto di vista statistico, mentre i millennials sembrano vivere per la prima volta l’influenza delle loro idee nel mondo degli affari (sharing economy, sostenibilità ambientale e tecnologia social), i valori azionari rispetto ad utili incerti, trovano l'espansione dei multipli responsabile di oltre l'80% dei recenti rialzi portando la sovraperformance relativa dell’S&P500 oltre due deviazioni standard la media di quasi 100 anni di storia. Un altro segnale delle stesse osservazioni arriva dal mercato delle società entrate nel listini nell'ultimo anno (IPO - initial public offering): oltre il 70% delle società quotate ha mostrato una crescita rapida dei ricavi, ma non ha ancora realizzato profitti; nel 2019 sono stati raccolti più fondi dai privati per IPO di società senza profitti rispetto a qualsiasi anno dal 2000. A fare da spalla a questa osservazione è la ricerca di redditività dei portafogli mobiliari. La discesa dei rendimenti obbligazionari, in Europa in gran parte negativi, tende a sovra-caricare il peso di titoli azionari in portafoglio, in particolare azioni con alto dividendo, come succedanei delle tradizionali cedole obbligazionarie periodiche.

Economie e mercati emergenti

Le proiezioni di crescita economica e degli utili globali, e statunitensi, hanno sostenuto i listini nell'ultimo anno; la Fed da parte sua ha ridotto i Fed Funds tre volte e riattivato la liquidità espandendo nuovamente il proprio bilancio. L’attuale presa di posizione di Jerome Powell sembra rimettere in discussione un’ulteriore espansione del bilancio della Fed con l’intenzione di rivedere la forza in eccesso del Dollaro Usa. In questo scenario gli strategist stanno riorientando la loro view positiva a favore del mondo emergente, da tempo soggetto alla pressione commerciale di Trump e recentemente agli effetti in Asia del Coronavirus. Il decennio dal 2010 non è stato un buon periodo per le azioni dei Mercati Emergenti con performance in netto calo rispetto ai mercati sviluppati; questo trend ha comunque prodotto valutazioni relative a livelli più favorevoli tornando indietro a valori simili a quelli dopo la crisi finanziaria asiatica alla fine degli anni '90 e selezionate opportunità di acquisto. Secondo gli analisti le azioni dei mercati emergenti sembrano pronte ad invertire la loro rotta per tornare ad essere valorizzate per la loro crescita economica sostenibile nel medio termine, tema già validato in occasione della crisi finanziaria del 2008-09.

Leggi la ricerca selezionata da R&CA cliccando sul seguente link:

Fading the US FOMO Market

 


Commenti
trackback:
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Schroders
Fidelity
UBS Global Asset Management
Invest Banca Spa
Axa Investment Managers
AB Global
Pioneer Investments
J.P.Morgan Asset Management
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
iShares
University Campus
Categorie