12 giugno 2020
Inserito da:
0
FED - US Outlook

 

Le attese per una maggiore determinazione nelle guidance della Federal Reserve statunitense sono state in parte deluse anche se Jerome Powel ha ampliato la serie di informazioni inerenti gli orientamenti della banca centrale, commentando innanzi tutto che non è compito dell’autorità monetaria dare giudizi sulle valutazioni dei mercati finanziari: tema tornato in evidenza dopo il veloce recupero di Wall Street. Le indicazioni per i prossimi passi della FED, fornite dalla riunione del FOMC, erano molto attese, dopo l’aumento del PEPP a 1.350 mld Euro da parte della BCE (programma di acquisti per l’emergenza coronavirus), l’iniziativa per la proposta della Commissione Europea del Next Generation EU di 750 mld Euro (fondo per la ricostruzione) e gli sforzi nazionali di allentamento fiscali in Europa (Germania 140 mld Euro, 55 mld Italia ecc). In definitiva il governatore della FED ha indicato un recupero economico lento e tassi a zero per un lungo periodo di tempo.

La prudenza di Powell

Nessuna variazione alle attuali misure da parte del FOMC, il comitato esecutivo della banca centrale, solo evidenze che hanno puntualizzato quanto la FED ha in corso. In primo luogo sono stati fornite le previsioni macroeconomiche, omesse nel meeting di marzo. I dati medi pubblicati vedono il GDP statunitense atteso in calo del 6,5% per il 2020 (+2% la stima del dicembre 2019), +5% nel 2021 e +3,5% nel 2022. Nella proiezione di lungo termine la crescita passa da +1,9%, stima di dicembre 2019, a 1,8% lasciando intendere che la crisi pandemica non lascerà danni permanenti. Sul tasso di disoccupazione il FOMC segnala in media il 9,3% per il 2020, il 6,5% per il 2021 e 5,5% nel 2022; l’ultimo dato è dell'1,4% superiore alla stima NAIRU di lungo termine del 4,1%. Importante è lo stato degli acquisti in relazione al Quantitative Easing. Il governatore conferma la continuazione degli attuali livelli di importo anche per i mesi a venire, ovvero, 80 mld USD al mese di titoli del Tesoro e 40 mld USD al mese di Agency MBS, e Agency CMBS ad un ritmo di 200-500 milioni USD a settimana. In totale il conto del SOMA (System Open Market Account) si attesterebbe a circa 6,8 trilioni USD entro la fine del 2020.

Fondi e beneficiari

La Fed ha inoltre intenzione di modificare il Main Street Lending Program; Powell ha affermato in riferimento a questo programma che si sta valutando di estenderlo alle organizzazioni No Profit, senza comunque darne un termine temporale. Sulle ‘facilitazioni’ dei prestiti, Powell ha dichiarato che sono in corso valutazioni su base continuativa; le stesse potranno essere ampliate se necessario tenendo conto che i prestiti di emergenza, già approvati dal Congresso, sono stati utilizzati solo per 195 mld USD su 454 mld. Gli operatori di mercato hanno letto la prudenza di Powell come punto di riflessione sulle future mosse della FED.

Leggi la ricerca selezionata da R&CA cliccando sul seguente link: 

Fed Review

 


Commenti
trackback:
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Schroders
Fidelity
UBS Global Asset Management
Invest Banca Spa
Axa Investment Managers
AB Global
Pioneer Investments
J.P.Morgan Asset Management
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
iShares
University Campus
Categorie