25 ottobre 2019
Inserito da:
0
Grazie Presidente Mario Draghi

 

Nessuna novità dalla Banca Centrale Europea (BCE) che conferma nel suo meeting del 24 ottobre sia la ‘forward guidance’, che prevede un lungo periodo di espansione monetaria, sia l’utilizzo di tutti gli strumenti a disposizione. Questa la sintesi operativa dell’ultimo Consiglio Direttivo di Mario Draghi prima del passaggio di consegne, il prossimo 1 novembre, all’ex direttore del Fondo Monetario Internazionale Christine Lagarde, a lei i nostri auguri. Nella conferenza stampa il presidente Draghi ha colto l’occasione per ringraziare pubblicamente i colleghi direttori delle banche centrali dell’area Euro, i membri del Consiglio, i collaboratori e tutte le persone che hanno portato avanti con lui il difficile compito di governo dell’autorità monetaria. Un particolare ringraziamento è stato per i giornalisti che lo hanno seguito e stimolato verso una comunicazione più diretta, trasparente e chiara.

Mandato

A parere di tutti (o quasi) Draghi ha svolto in modo magistrale il suo lavoro; solo pochi giorni dopo il suo insediamento del 1 novembre 2011, ha tagliato i tassi di interesse in una fase di massima confusione per le prospettive economiche e nella quale il suo predecessore Jean-Claude Trichet li aveva appena alzati ‘sprovvedutamente’ per due volte pochi mesi prima. In Europa la situazione dopo la crisi finanziaria americana del 2008/09 si era complicata con i singoli governi isolati nelle loro difficili previsioni e costretti ad intervenire a supporto di un sistema bancario traballante. Draghi ha tagliati i tassi otto volte, fino a portarli negativi, ha iniziato un programma di acquisto di titoli governativi e offerto liquidità alle banche con ogni tipo di strumento a breve, e attivato finanziamenti alle banche a lungo termine quali LTRO e TLTRO. Ha consolidato in modo definitivo l’Euro con tre parole (‘whatever it takes …’) e ribadito in ogni occasione che la banca centrale è pronta a fare qualsiasi cosa serva per raggiungere gli obiettivi del suo mandato (‘… never give up’ – non mollare mai).    

Politica monetaria efficace

L’Europa è sicuramente uscita rafforzata in questi otto anni. Draghi ha osservato la ripartenza economica dopo la profonda crisi in Irlanda, Spagna, Portogallo e Grecia, la ripresa del mercato del lavoro e la ricostituita solidità del sistema bancario; in borsa l’indice STOXX 600 è passato da 240 punti del 31 ottobre 2011 agli attuali 397 punti (+65%). Le sfide ovviamente continuano con il tasso di inflazione dell'Eurozona che il mese scorso è sceso ai minimi di tre anni allo 0,8% (1% ad agosto), lontano dall'obiettivo della BCE del 2%; la Bundesbank segnala produzione e esportazioni tedesche quali indicatori di una recessione nel terzo trimestre dell’anno, ma proprio su questo Draghi ha giustificato l’utilizzo dei tassi negativi, contestati da molti banchieri della Core Europe. Da tempi la BCE solleva il tema della politica fiscale troppo “austera” che limita la crescita economica, lo sviluppo infrastrutturale e digitale di un’area che sta rimanendo indietro. Se infatti si dovesse dare una valutazione scolastica sembra che, mentre Mario Draghi si sia laureato a pieni voti, così non lo sia stato per i molti politici avvicendatisi al governo dei Paesi e del Consiglio Europeo. A breve comunque l'attenzione sarà focalizzata sull'impatto del sistema di livelli per le banche (Tiering), in atto dal 30 ottobre, e sui rendimenti a seguito degli acquisti di obbligazioni da novembre (APP).

Grazie mille Mario

Al governatore auguriamo tutte le cose belle e buone che lui stesso si proporrà nei prossimi anni; a 72 anni dice di ‘non avere programmi’ se non quello di godersi la sua famiglia e sua moglie. Noi, egoisticamente, speriamo invece che torni presto in Italia per essere protagonista e rappresentante autorevole di un processo di rinnovamento del nostro paese, ovviamente dopo una meritata vacanza.

Leggi la ricerca selezionata da R&CA cliccando sul seguente link:

ECB Watch: Draghi’s last meeting - no regrets by Nordea del 24 ottobre 2019

 


Commenti
trackback:
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Schroders
Fidelity
UBS Global Asset Management
Invest Banca Spa
Axa Investment Managers
AB Global
Pioneer Investments
J.P.Morgan Asset Management
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
iShares
University Campus
Categorie