17 luglio 2019
Inserito da:
Categorie: Global Equities, Sectors
0
Libra spinge Facebook

 

Da inizio anno le azioni di Facebook sono passate da 130 $ agli attuali 200 $ (+55%), ritornando vicine ai loro massimi storici di 209,90 $ di un anno fa, nonostante i timori di una incombente sanzione. Infatti si è in attesa del via libera da parte del Dipartimento di Giustizia statunitense per l’applicazione di una multa da cinque miliardi di dollari proposta dalla Federal Trade Commission, l’agenzia del governo americano posta a garanzia di consumatori e mercato, al termine dell’indagine del 2018 sul caso Cambridge Analytica e della cessione da parte di Facebook di dati sensibili dei propri iscritti.

Nuova criptovaluta

La ragione di tanto interesse da parte degli investitori riguarda l’idea non nuova di Facebook di fornire servizi finanziari attraverso una nuova criptovaluta di nome Libra. Kevin Weill, vice presidente di Calibra, struttura dedicata alla gestione di Libra, assicura che verranno offerti anche servizi di pagamento e di credito. Secondo quanto riportato il 18 giugno scorso dalla stampa specializzata, David Marcus, head of blockchain di Facebook ed ex Presidente di Paypal (nell’immagine), ha dichiarato che il progetto Libra si distinguerà dalle altre criptovalute perché il progetto sarà condiviso con le autorità monetarie e procederà nel rispetto delle rispettive autorizzazioni. Marcus non esclude che anche le banche tradizionali potranno aderire al progetto, reso condivisibile con la pubblicazione di un whitepaper della blockchain Libra.

‘An Introduction to Libra’

… “Mentre intraprendiamo questo viaggio insieme, pensiamo che sia importante condividere le nostre convinzioni per allineare la comunità e l’ecosistema su quanto può creare questa iniziativa: - Crediamo che molte più persone debbano avere accesso ai servizi finanziari e al capitale a basso costo;  - Crediamo che le persone abbiano il diritto intrinseco di controllare il frutto del loro lavoro legale;  - Riteniamo che un movimento di denaro globale, aperto, istantaneo e a basso costo creerà un enorme vantaggio economico, opportunità e più commercio in tutto il mondo; - Crediamo che le persone si fidino sempre più di forme di governance decentralizzate;  - Crediamo che una valuta e un'infrastruttura finanziaria globale debba essere progettate e governata come un bene pubblico; - Crediamo che tutti noi abbiamo la responsabilità di contribuire a far avanzare l'inclusione finanziaria, sostenere gli attori etici, e mantenere costantemente l'integrità dell'ecosistema” …

Cautela e preoccupazioni delle autorità

E’ certo che se Libra avesse successo potrebbe rappresentare uno dei prodotti più innovativi non solo per Facebook, ma anche per il mondo intero. Libra diverrebbe un'alternativa convincente al sistema bancario esistente e una piattaforma innovativa per i paesi in via di sviluppo carenti di sistemi di pagamento digitali. Con 2,7 miliardi di iscritti alle piattaforme del gruppo (Facebook, Messenger, Instagram e Whatsapp) Calibra si renderebbe un’entità finanziaria unica nel mondo e probabilmente monopolista sui pagamenti in alcuni paesi, in virtù dei suoi utenti: questo sta portando ad una indagine più accurata i regolatori di Stati Uniti e internazionali, tanto da includerla tra i temi del prossimo G7.

Associazione con sede a Ginevra

Il progetto si distanzia dai già criticati Bitcoin per effetto di molti elementi legali/regolamentari che partono da una forma giuridica e dalla numerosa schiera di soci che hanno dato la loro adesione. In primo luogo Calibra sarebbe una associazione (non una società commerciale) con sede in Svizzera; la struttura prevede la costituzione di un paniere/portafoglio di valute ed asset finanziari di vario genere (tutte da definire) posto a garanzia e convertibilità della criptovaluta Libra. L’iniziativa vede quindi una forma sociale e locazione particolare in uno stato neutrale e con la banca centrale svizzera che dovrebbe fare da controllore per una società emittente di valuta digitale non-commerciale! Insomma se da un lato le autorità centrali internazionali dovessero sottovalutare Libra potremmo veramente vedere qualche problema sul sistema finanziario internazionale, anche per una interazione digitale in mancanza di sistemi di controllo.

Leggi la ricerca selezionata da R&CA cliccando sul seguente link:

Libra, a digital currency that is still surrounded by questions


Commenti
trackback:
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Schroders
Fidelity
UBS Global Asset Management
Invest Banca Spa
Axa Investment Managers
AB Global
Pioneer Investments
J.P.Morgan Asset Management
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
iShares
University Campus
Categorie