6 novembre 2019
Inserito da:
0
Scenari elettorali Usa per il 2020

 

Siamo ancora molto lontani dalla elezioni statunitensi del 3 novembre 2020, eppure gli strategist che stanno approntando l’outlook del prossimo anno sono impegnati a fronteggiare gli impatti dall’evento più importante negli Stati Uniti, da cui potrebbe derivare non solo la spinta economica dell’area americana, ma le dinamiche di Asia ed Europa. Nella prossima campagna presidenziale non ci si gioca solo il rapporto di forza tra Democratici e Repubblicani, ma la gestione di tavoli aperti da Donald Trump che riguardano le politiche fiscali interne, le relazioni commerciali tra Cina e Usa, ma anche in Europa, Giappone e paesi emergenti, le criticità mediorientali e le strategie di investimento sui temi della “sostenibilità del pianeta” per gli anni a venire.

Candidati alle presidenziali Usa

Il presidente Donald Trump rimane al momento il favorito dei bookmaker come capace di vincere il suo secondo mandato. Da parte dei Democratici la partita sembra circoscritta a Joe Biden ed Elizabeth Warren rappresentanti rispettivamente dell’ala moderata e liberale del partito democratico. Le schermaglie sono comunque iniziate da tempo con i Democratici impegnati nella procedura di impeachment del Presidente, tema che se insistentemente sostenuto potrebbe influenzare la popolarità di Trump in modo sufficiente a farlo desistere, lasciando spazio al vicepresidente Pence o a Mitt Romney quali candidati Repubblicani. L'impeachment richiede una maggioranza semplice alla Camera, ma anche la maggioranza qualificata al Senato, controllato dai repubblicani. Il ciclo politico è molto importante per la fiducia degli investitori; il consenso nei confronti di Donald Trump rimane del 40%, in linea con la media del suo mandato. Se Trump non venisse estromesso e l'economia statunitense continuasse il suo trend di solidità, la campagna per un democratico sarebbe complicata e questo assicurerebbe altri quattro anni all’attuale Presidente.

Impatto sui mercati finanziari

Secondo gli analisti la migliore soluzione per i mercati potrebbe essere l’elezione di un Repubblicano alternativo a Trump, in modo da continuare la strategia fiscale e le politiche economiche in atto, magari con maggiore diplomazia e trasparenza. La situazione meno favorevole ai mercati sarebbe invece la vittoria di un Democratico outsider con orientamento marcato a sinistra come Andrew Yang, in corsa alle primarie democratiche con un programma che prevede un reddito di cittadinanza di 1.000$ al mese: il suo consenso è fermo al 3%.

Wall Street sui nuovi massimi storici

Nei recenti massimi degli indici azionari statunitensi gli analisti finanziari vedono la convergenza di alcuni fattori positivi che hanno trovato i gestori di portafoglio con una eccessiva liquidità e che loro malgrado hanno dovuto rincorrere il mercato. Un primo fattore l’aumento delle sorprese positive nei report della stagione degli utili del terzo trimestre: mentre ad inizio ottobre le attese erano per una diminuzione del 6% rispetto al 3Q18, dopo la consegna di oltre i tre quarti dei risultati il calo è del 2,7% e attese per un ulteriore miglioramento. L’aspetto sorprendente è che nel terzo trimestre dello scorso anno gli utili erano saliti del 25% per effetto delle agevolazioni fiscali dell’amministrazione Trump. Il secondo fattore è stato il mercato del lavoro che rimane forte con ottimi dati sopra le attese, sia a settembre (+180K) che ottobre (+128K). Si deve aggiungere che in questo contesto il terzo taglio dei Fed Funds ha dato un supporto relativamente inaspettato ad ottobre visti gli impegni di intervento della FED sulla liquidità di sistema. Favorevole anche l’apertura ad un confronto propositivo su una prima parte dei contrasti commerciali tra Usa e Cina; infine i dati sull’indice IHS Markit Flash U.S. Composite PMI™ di fine ottobre in leggero recupero a 51,2 da 51 di settembre. In questo contesto anche le valutazioni P/E fwd dell’indice S&P500 indicate a 16,9x sembrano in linea con la quotazione sui massimi delle azioni.

Leggi le ricerche selezionate da R&CA cliccando sui seguenti link:

US election watch: One year from now

S&P 500, utili in calo ma sopra le attese – intervista C. Caironi a Plus Sole24Ore 

 


Commenti
trackback:
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Schroders
Fidelity
UBS Global Asset Management
Invest Banca Spa
Axa Investment Managers
AB Global
Pioneer Investments
J.P.Morgan Asset Management
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
iShares
University Campus
Categorie