7 settembre 2018
Inserito da:
0
Trump verso le US Midterm Elections

     

A due mesi dalle elezioni di ‘medio termine’, previste il 6 novembre prossimo, gli analisti hanno iniziato a tracciare alcuni possibili scenari. Pur tenendo conto che le elezioni siano da ritenere più un evento politico che economico, gli operatori finanziari devono fare i conti con listini azionari che continuano ad aggiornare nuovi massimi, in un clima di crescita degli utili sorprendente, e di normalizzazione monetaria della banca centrale FED. Secondo le più recenti indagini di mercato statunitensi, da inizio anno Trump è riuscito a recuperare popolarità sfruttando ogni mezzo di comunicazione possibile passando da 37,9% agli attuali 40,2% favorevoli, sebbene i contrari siano al 53,6%.

Scenari dell’esito elettorale

Nelle elezioni del prossimo novembre vengono messi in gioco 435 membri della Camera e 35 membri del Senato e ovviamente una nuova composizione delle due camere del Congresso potrebbe influire direttamente sulla capacità di governo dell’amministrazione Trump. Dei 35 seggi in Senato, 26 sono detenuti da democratici (inclusi due indipendenti ora alleati) e nove dai repubblicani; sul totale di 100 posti, il Senato degli Stati Uniti è composto oggi da 51 seggi repubblicani e 47 democratici, più i due indipendenti alleati ai democratici. Ciò significa che i democratici devono mantenere tutti i loro seggi e conquistarne due dai repubblicani, tenendo conto che 10 dei seggi democratici risiedono negli stati dove Trump ha vinto nel 2016. Nella Camera bassa i democratici devono invece guadagnare 20 seggi per il controllo. Visti questi numeri, e le relative proiezioni, sembra che lo scenario centrale sia per la perdita della maggioranza repubblicana alla camera, appena sopra la probabilità che ambedue rimangano comunque in mano ai conservatori. Meno probabile la possibilità che i democratici possano vincere sui due fronti e conquistare l’intero Congresso.

Politica economica

Il valore della vittoria dei democratici in una delle due camere porterebbe ad una situazione di stallo del presidente indicata come ‘lame duck’ (anatra zoppa) con difficoltà oggettivi a far approvare leggi se non a fronte di ampie discussioni e compromessi negoziali che rallenterebbero la corsa del presidente rispetto al suo programma di riforme. Al pari questa nuova configurazione del Congresso potrebbe mettere le basi per iniziare un processo di impeachment contro Trump, come più volte minacciato dall’opposizione. Risulterebbe invece difficile una revisione delle leggi già approvate nel rispetto del veto che il Presidente degli Stati Uniti può imporre in tal caso. Risulta evidente che il mantenimento dello status quo metterebbe in luce la potenzialità di Trump di affondare sulla politica in corso con un rafforzamento delle iniziative espansive di politica fiscale interna e di confronto esterno sui temi del commercio e delle relazioni internazionali.

Mercati finanziari

Nel caso Trump diventi un’anatra zoppa sarebbero evidenti segnali di contrasto all’attuale atteggiamento politico anche se il trend di sviluppo economico sembra destinato a proseguire. L’attuale segnale verso la FED per una minore pressione monetaria e di un indebolimento del dollaro verrebbe letto negativamente dagli operatori pensando ad un possibile cambiamento di strategia politica nel medio termine. L’impatto più evidente riguarda l’aumento del debito pubblico americano a fronte di un consolidamento del potenziale di crescita del paese e della possibile richiesta di un tasso più remunerativo dei titoli di stato a lungo termine. Meno correlato all’esito elettorale sembra il mercato azionario che sta beneficiando dell’ottima crescita economica e della riforma fiscale; per questa classe di attivo, dopo le ottime performance acquisite, saranno proprio le possibili variazione delle attese sugli utili a modificarne le prospettive di valutazione.

Leggi la ricerca selezionata da R&CA cliccando sul seguente link:

US Midterm Election


Commenti
trackback:
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Schroders
Fidelity
UBS Global Asset Management
Invest Banca Spa
Axa Investment Managers
AB Global
Pioneer Investments
J.P.Morgan Asset Management
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
iShares
University Campus
Categorie
Login