27 settembre 2013
Inserito da:
Categorie: Global Bonds
0
US Treasury vs Global Fixed Income

Mentre una grande parte degli Strategist vede il rientro dei rendimenti come una finestra per alleggerire la duration dei portafogli obbligazionari, i gestori di ‘tasso fisso’ si dichiarano prudenti nel vendere gli asset più lunghi e avanzano osservazioni a difesa della loro strategia.

In realtà lo scenario negativo sui Bonds, innescato dalle parole sul “tapering” di maggio dalla FED con il ridimensionamento del Quantitative Easing statunitense, è stato controvertito nell’ultima riunione del FOMC.  La reazione è stata immediata con il netto rimbalzo dei corsi di Treasury e Bund, seguito da tutto il mercato obbligazionario. Secondo i gestori sembrano almeno tre gli aspetti che porterebbero ad una ulteriore discesa dei rendimenti sul Treasury decennale: a) la crescita economica in Usa rimane sotto trend e condizionata dalla politica fiscale, b) l’inflazione rimane a livelli bassi, e c) il “term premium” (il premio di duration) del US Treasuries 10y è entrato in territorio di ipervenduto. Conoscendo l’interdipendenza da Treasury di tutto il mondo obbligazionario, l’effetto sulla curva statunitense fungerebbe da traino per il resto del mercato. In termini di Asset Allocation una minore pressione sui Bonds troverebbe favore non solo sulle classi di attivo più correlate quali Governativi, Corporate e High Yield, ma anche per una ripresa dell’Emerging Market Debt.

 

Leggi la ricerca selezionata da R&CA cliccando sul seguente link:

Increase fixed income with a focus on EM and High-yield Credit

 

 


Commenti
trackback:
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Schroders
Fidelity
UBS Global Asset Management
Invest Banca Spa
Axa Investment Managers
AB Global
Pioneer Investments
J.P.Morgan Asset Management
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
iShares
University Campus
Categorie