20 marzo 2021
Inserito da:
0
Weekly Focus

   

Le osservazioni tattiche rilevate dai Money Manager nella Tavola Rotonda Virtuale (TRV del 18 marzo) hanno messo in luce valutazioni convergenti riguardo alla buona crescita economica stimata a livello globale, una ripresa che dovrebbe avere una netta accelerazione a partire dal secondo trimestre e proseguire in modo sostenuto per tutto il 2021. Le prospettive economiche degli Stati Uniti sono molto cambiate dopo l’approvazione del piano fiscale da 1.900 mld$ dell’amministrazione Biden e l’intenso programma di vaccinazione che ha già coinvolto 100 milioni di persone. Le stime di crescita, secondo la FED il GDP 2021 sale del 6,5%, vedono l'inflazione destinata a salire a causa degli effetti della domanda di merci in carenza di approvvigionamento. L'aumento dei prezzi, sebbene risulti probabilmente temporaneo, trova le previsioni in forte crescita dell’indice PCE (spese per consumi personali) derivante dall’accumulo di risparmio durante la pandemia, dato che potrebbe superare il 2,5% nel Q2, un livello che ci riporta all'inizio degli anni '90. E’ stato questo nuovo scenario ad imprimere una spinta decisa alle vendite sul Treasury US decennale che ha raggiunto il rendimento del 1,75%, tagliando in modo netto il tasso reale negativo; si tenga conto che ad inizio anno il rendimento era allo 0,93%.

Mercati finanziari

La velocità di rerating del Treasury statunitense non ha al momento avuto effetti straordinari sul resto dei mercati finanziari se non una forzata fase laterale per gli indici azionari che, in attesa dei dati sugli utili del primo trimestre, hanno da tempo iniziato una rotazione settoriale. Il dollaro (Us Dollar Index DXY), dopo un primo rafforzamento, si è riposizionato sui livelli di inizio anno a 91,7. Ribadendo quanto detto nella recente TRV, gestione attiva e stock picking diventano chiave in un mercato che deve ritrovare nuovi riferimenti monetari. In termini generali la ripartenza del ciclo economico torna a segnare qualche punto a favore dei titoli prociclici, value e small cap, per le valutazioni interessanti, settori che dimostrano uno short di offerta, come in questo momento i produttori di microchip, e le banche per la ripresa dei rendimenti e l’irripidimento della curve. Gran parte della corsa delle azioni è data da attese di un aumento deciso degli utili e della stabilità espansiva delle banche centrali; la conferma di questo contesto è confrontabile con una volatilità (VIX) che ritorni sotto 20 punti in modo stabile, in attesa di verificare i nuovi equilibri economico finanziari del post-Covid.

Focus della settimana

Principali dati attesi in settimana. Negli Usa: Chicago Fed National Activity Index (Feb), Existing Home Sales (Feb), New Home Sales (Feb), Durable Goods Orders (Feb), Markit Manufacturing PMI Flash (Mar), GDP Growth Rate QoQ Final (Q4), PCE Price Index (Feb), Personal Spending (Feb), Michigan Consumer Sentiment Final (Mar); nell’Area Euro: ECB Enria Speech Markit Composite PMI Flash (Mar), Consumer Confidence Flash (Mar), Ifo Business Climate (Mar); in Giappone: BoJ Monetary Policy Meeting Minutes, Foreign Bond Investment (20 Mar); in Cina: Industrial Profits (Feb).


Commenti
trackback:
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Fidelity
iShares
J.P.Morgan Asset Management
AB Global
Axa Investment Managers
UBS Global Asset Management
Pioneer Investments
Schroders
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
Invest Banca Spa
University Campus
Categorie