29 maggio 2021
Inserito da:
0
Weekly Focus

 

Nelle ultime settimane, secondo una gran parte degli analisti, sia la BCE che la Fed sono rimaste ‘vaghe’ sulle loro prossime iniziative nonostante dati positivi sia sul fronte della fiducia che riguardo ai dati effettivi sopra le attese di tassi di inflazione crescenti. Ci sono state peraltro ripetute dichiarazioni rassicuranti di esponenti della BCE sintetizzate con l’osservazione del nostro membro delegato Fabio Panetta per una ‘discussione sull'eliminazione graduale del PEPP chiaramente prematura’. Negli Stati Uniti rimane sullo sfondo uno scenario, meno opaco, di graduale rialzo dei rendimenti di lungo termine; il ‘Taper Team’ americano vede in realtà alcuni governatori della Fed, Richard Clarida forse il più autorevole, indicare una possibile ‘moderazione’ sugli acquisti del Quantitative Easing, omettendo di utilizzare direttamente il termine ‘tapering’, con la necessità di uno studio in questa una fase interlocutoria: la sensazione vede i banchieri centrali più interessati ai giochi di parole che a discutere del rischio di un bear market sui titoli governativi. Il quadro rispecchia un atteggiamento chiaramente rivolto alla retorica della transitorietà dell'inflazione e di un’economia ancora lontana dalla piena occupazione.  Attualmente, in particolare negli Stati Uniti, gli operatori seppur preparati ad un possibile ribasso obbligazionario attendono la ‘conferma’ della Fed per spingere i rendimenti più alto. I tassi forward hanno raggiunto livelli abbastanza vicini al supporto di lungo periodo (5y1m al 2%), obiettivo a medio termine della Fed al 2,5% e 10y10y al 3%, livello già registrato in un'escursione del 2017. Il recente movimento laterale dei rendimenti governativi e del rapporto Euro e Dollaro Usa si appoggiano in effetti su una situazione monetaria ritenuta alquanto transitoria, in attesa di ulteriori dati macroeconomici e soprattutto di nuovi messaggi verbali da parte dei membri della FED.

Rialzo dei profitti sugli esportatori cinesi

Da inizio anno il mercato azionario cinese continua a presidiare una fase laterale, dopo la precipitosa discesa dai massimi di periodo a metà febbraio. La banca centrale PBoC ha iniziato un percorso di restringimento moderato in relazione al dato di forte crescita del GDP del primo trimestre, +18,3% annualizzato, condizionando l’atteggiamento degli investitori. In effetti i dati sui consumi interni risultano meno brillanti, mentre a far di nuovo correre l’economia sembrano le esportazioni, riportando in luce ancora una volta quanto l’economia cinese rimanga centrale nel commercio internazionale. Interessante il dato sui profitti dalle imprese industriali cinesi aumentati del 106,1% anno su anno a 2,59 trilioni di CNY nel periodo gennaio-aprile 2021, dopo un aumento del 137% nel periodo precedente. Gli utili registrati sono aumentati sia nelle imprese industriali statali a +186,8%, che in quelle private +89,2%. Tra le 41 industrie comprese nel sondaggio 39 hanno registrato un aumento dei profitti, con il settore della fusione e della laminazione di metalli non ferrosi che ha registrato il maggior rialzo +484%, seguito dalla fusione e laminazione dei metalli ferrosi +416%, materie prime chimiche +272%, e settore automobilistico +157,5%; con tassi meno eclatanti ma di tutto rispetto le comunicazioni +86,2%, macchinari e apparecchiature elettriche +85,8%, attrezzature speciali +77,7% e industria elettrica +40,5%. L’analisi evidenzia che solo nel mese di aprile, i profitti industriali sono aumentati del 57% su base annua, rallentando bruscamente dal balzo del 92,3% a marzo, per il forte aumento delle materie prime, ma anche per i dati deboli nel settore dei beni di consumo.

Focus della settimana

Principali dati attesi in settimana. Negli Usa: Markit Manufacturing PMI Final (May), Foreign Bond Investment (29/May), Fed Beige Book, ISM Non-Manufacturing PMI (May), Non Farm Payrolls (May), Unemployment Rate (May), Factory Orders (Apr); nell’Area Euro: Consumer Confidence Final (May), Markit Manufacturing PMI Final (May), Inflation Rate Flash (May), PPI (Apr), IHS Markit Services PMI (May), Markit Composite PMI Final (May), Retail Sales (Apr); in Giappone: Industrial Production Prel (Apr), Retail Sales (Apr), Consumer Confidence (May); in Cina: NBS Manufacturing PMI (May), Caixin Manufacturing PMI (May), Caixin Composite PMI (May).


Commenti
trackback:
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Fidelity
iShares
J.P.Morgan Asset Management
AB Global
Axa Investment Managers
UBS Global Asset Management
Pioneer Investments
Schroders
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
Invest Banca Spa
University Campus
Categorie
Login