23 luglio 2019
Inserito da:
0 Commenta

 

LRedazione del Blog si congeda per la pausa estiva, tornerà a proporre i Post di discussione ad inizio settembre. Per tutti gli iscritti alla Community invece le attività continueranno. Non dimenticate di accedere periodicamente al vostro Virtual Office per controllare la bacheca delle Attività e Avvisi, e visitare gli stand nella sezione dedicata alle Novità ed Eventi (nelle immagini dipinti di Moses Levy 1885 - 1968).

Auguriamo a tutti buone vacanze

 

20 luglio 2019
Inserito da:
0 Commenta

 

Le ultime sedute borsistiche, prima dei preparativi verso l’attesa pausa agostana, hanno manifestato i sintomi classici di mercati pronti alle vacanze estive: volumi in progressiva diminuzione, limitate prospettive di un cambio di trend, poche idee di investimento, e aumento della cautela su possibili eventi straordinari. Gli economisti hanno rimosso le preoccupazioni di una recessione economica che avrebbe il suo inizio negli Stati Uniti il prossimo anno, dopo un lunghissimo ciclo di espansione. Rimane invece l’incertezza da parte degli analisti azionari sulla stagione degli utili: i primi risultati vedono una diversa capacità di profitto e differenti ‘guidance’ tra le grandi società del mercato statunitense, seppur appartenti al medesimo settore. La voglia di capitalizzare le importanti performance lascia ancora posto alle indicazioni degli Strategist di portafoglio che offrono segnali discontinui tra diminuzione del rischio e favore agli asset rischiosi, anche per effetto dei messaggi delle Banche Centrali ... 

13 luglio 2019
Inserito da:
0 Commenta

 

Le riflessioni di una maggiore cautela nell’asset allocation, derivata dalla necessità di un consolidamento dei mercati finanziari dopo un primo semestre sopra le attese, non nasconde la voglia dei gestori di cavalcare un trend favorevole a tutte le classi di attivo. Il primo punto di riflessione riguarda la capacità di continuare nel ciclo economico attuale, ormai diventato il più lungo che la storia ricordi (secondo gli storici dal 1854), e che potrà essere prolungato con interventi di tipo fiscale e monetario a sostegno di indicatori di fiducia che registrano a fatica una espansione moderata. La seconda riflessione è per le valutazioni azionarie, ovviamente in forte aumento, mentre il ciclo degli utili procede verso un consolidamento. Con lo sfondamento dei 3000 punti, le valutazioni dell’S&P500 vedono il P/E fwd12m ormai sopra 18x gli utili attesi, rispetto al ratio di 13,4x di inizio anno; la mancata avanzata degli utili aprirebbe la strada per un giudizio di sopravvalutazione dell’indice, almeno rispetto alla media storica di lungo termine ...

10 luglio 2019
Inserito da:
0 Commenta

 

Corrado Caironi, Investment Strategist di R&CA, nella sua Newsletter dedicata all’Outlook del secondo semestre del 2019 analizza le prospettive macroeconomiche ed i trend dei mercati finanziari con l’obiettivo di offrire indicazioni di Asset Allocation per i portafogli di investimento.

Dati e Performance: i mercati finanziari hanno avuto un periodo particolarmente brillante con ritorni sopra le attese. Le migliori performance da inizio anno sono state registrate dagli indici azionari statunitensi con il mercato Nasdaq sopra il 20%, seguito dall’indice S&P500 a + 18,5%. Le borse americane hanno approfittato di un buon andamento economico e di una sostanziale tenuta di utili e ricavi delle più importanti società quotate; i flussi di investimento hanno riportato le borse Usa a segnare nuovi massimi storici. Molto bene si sono dimostrati sia l’intero comporto obbligazionario che le commodities …

Ciclo economico globale… i temi di incertezza, soprattutto nelle situazioni geopolitiche, mostrerebbero incidenze di bassa crescita locali a macchia di leopardo in corrispondenza a relative politiche monetarie e fiscali. Il perdurare della ‘guerra commerciale’ tra Stati Uniti e Cina, un rilancio dell’economia in Europa per affrontare una probabile hard Brexit (rimandata al 31 ottobre), e le difficili relazioni internazionali innestate da sanzioni, dazi, prezzi del petrolio e rivendicazioni nucleari, rimangono a lato di un mercato che naviga a vista e che deve fare i conti con la conclusione di un lunghissimo ciclo economico e il sostegno delle banche centrali …

Banche Centrali… il cambiamento su ampia scala nella politica monetaria ha preso progressivamente vigore. La preoccupazione di un prolungato stress finanziario, derivante dalla politica restrittiva statunitense della FED, è svanita con i ripetuti annunci dei membri del FOMC e definitivamente accantonata dal governatore della FED Jerome Powell

Prospettive dei mercati finanziari: … dalle evidenze, una ritrovata politica espansiva più incisiva della BCE, atta a dare credibilità ad una ripresa economica nell’Area Euro, darebbe credito ad una tenuta delle stime su ricavi e profitti aziendali, e alla opportunità offerte da multipli contenuti del rapporto P/E fwd 12m ben sotto quelli americani con lo STOXX Europe 600 a 14,6x (DAX tedesco a 13,9x e MSCI Italia a 10,8x). Le indicazioni sui profitti vedono per l’intero 2019 un aumento vicino al 5% …

Aspetti da considerare nel 2H19: … il nuovo scenario proposto dagli Strategist di portafoglio ha cancellato la normalizzazione delle curve dei rendimento obbligazionarie a favore di una politica monetaria espansiva. La liquidità attesa dalle banche centrali cercherà di moderare l’arrivo di una recessione che potrebbe comunque manifestarsi in fasi progressive e tempi dilatati. La correlazioni tra Equity e Bond torna ad essere condizionata dagli interventi delle banche centrali, mettendo in gioco la normale gestione …

Leggi l’Investment Newsletter di Corrado Caironi cliccando sul seguente link:

Investment Outlook 2^ semestre 2019: Scenario Macroeconomico e prospettive dei mercati finanziari

6 luglio 2019
Inserito da:
0 Commenta

       

La settimana si è concentrata sulle candidature politiche per definire presidenti e coordinatori dei nuovi organi collegiali europei a seguito del recente esito elettorale e la costituzione del nuovo Parlamento. In qualche modo ha sorpreso l’elezione del Presidente del Parlamento Europeo dell’italiano David Sassoli, funzione che sembrava destinata ad un rappresentante della Core Europe. Ursula von der Leyen sarebbe stata invece designata come Presidente della Commissione Europea, appartenente alla CDU e ministro della difesa in Germania, persona vicina alla cancelliera Angela Merkel. Infine la candidatura alla Banca Centrale Europea di Christine Madeleine Odette Lallouette Lagarde, in successione a Mario Draghi, che si sposterà dall’attuale funzione di direttore generale del Fondo Monetario Internazionale a quello di governatore dell’autorità monetaria europea; designazione suggerita dal Presidente francese Emmanuel Macron ...

Visualizza
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Schroders
Fidelity
UBS Global Asset Management
Invest Banca Spa
Axa Investment Managers
AB Global
Pioneer Investments
J.P.Morgan Asset Management
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
iShares
University Campus
Categorie