9 aprile 2010
Inserito da:
Categorie: Global Bonds
0 Commenta

Abbiamo avuto modo di assistere ad una ampia discussione sugli aspetti riguardanti la valutazione della valuta cinese e degli impatti nel commercio internazionale. La cosa più interessante è che ogni valutatore, seguendo ragioni ben motivate giunge a conclusioni che vedono un range veramente ampio di "necessaria" rivalutazione della divisa e precisamente tra il 10% e il 40%. Peccato che gli unici a non pensarla così siano proprio le autorità cinesi che continuano a parlare di stabilità nei rapporti di cambio.  

31 marzo 2010
Inserito da:
Categorie: Global Bonds
0 Commenta

I possibili downgrade che potrebbero colpire il rating di debiti pubblici di molti paesi sviluppati, sembrano non interessare il mercato obbligazionario che, a fronte di una domanda di investimento sempre molto elevata, mantiene i tassi di rendimento contenuti su tutta la curva dei titoli governativi. Il caso Grecia però va analizzato con attenzione: nonostante le intese tra Fondo Monetario Internazionale e Unione Europea (leggi Germania e Francia) in appoggio alla sottoscrizione del debito e la buona domanda (7 miliari sui 5 offerti) il collocamento dei settennali ha trovato acquirenti solo al 5,9% (334 bps sul pari titolo tedesco), a conferma che il mercato fatica a credere che il paese possa abbattere il deficit in un anno dal 12,7% al 8,7%. Sicuramente ha influenzato negativamente anche la nuova bocciatura dell'agenzia Fitch sul Portogallo che ha tagliato il rating da AA a AA- dopo la severa analisi sui problemi strutturali e sul programma del governo portoghese. 

30 marzo 2010
Inserito da:
0 Commenta

 

I Treasury Bonds americani con scadenza decennale sono tornati al rendimento di inizio 2008, 3,91% dopo aver toccato i minimi del 18 dicembre 2008 a 2,08%. Quello che più impressiona è che alla data del 2 gennaio 2008, il rendimento dei TBill con scadenza a un mese era del 3,09% mentre ad oggi il tasso di rendimento della medesima scadenza è di 0,11%. E' chiaro a tutti che la crisi finanziaria, e la recessione da essa innescata, ha richiesto un intervento "straordinario" e che la politica monetaria espansiva ha avuto un ruolo centrale nei piani di salvataggio e di ripresa. 

12 marzo 2010
Inserito da:
0 Commenta

Siamo stati abituati negli anni a pensare che le emissioni degli Stati Emergenti per finanziare il loro debito pubblico, dovessero offrire tassi di interesse “elevati” a fronte di un rischio insolvenza e volatilità “elevati”. Eppure la combinazione 'crisi finanziaria' e 'recessione' ha visto il netto decoupling delle finanze dei Paesi Emergenti rispetto a quelli Sviluppati. Dovremo aspettarci un ribaltamento anche dai tassi di interesse?

26 febbraio 2010
Inserito da:
Categorie: Global Bonds
0 Commenta

Continua ad allargarsi il differenziale sul decennale Grecia-Germania dopo l’annuncio di S&P e successivamente di Moody’s di creditwatch negativo sul debito greco.  S&P ha precisato che potrebbe tagliare il rating di uno o due 'livelli' entro fine marzo, mentre Moody’s ha riferito che la revisione potrebbe avvenire nel giro di pochi mesi. Il mercato obbligazionario è stato colpito con un ulteriore allargamento degli spread anche se rimane ancora lontano dai massimi del marzo 2009. Eppure dal mercato emergono alcune incongruenze.

 

Visualizza
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Fidelity
iShares
J.P.Morgan Asset Management
AB Global
Axa Investment Managers
UBS Global Asset Management
Pioneer Investments
Schroders
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
Invest Banca Spa
University Campus
Categorie