30 marzo 2022
Inserito da:
Categorie: Global Equities, Sectors
0 Commenta

 

Per il settore bancario europeo il 2021 è stato sicuramente un anno di ripresa con performance medie di oltre il 20%, in linea con l’indice di borsa, ma il contesto è nuovamente cambiato in questo primo trimestre. La situazione di crisi militare in Ucraina dopo il 24 febbraio, data dell’invasione russa, ha sicuramente aperto un divario. I dati del settore MSCI Banks in Euro vedono l’indice globale a + 2,35% mentre l’indice di area Euro MSCI EMU Banks a – 6,65%. La performance negativa non mostra sorpresa pensando alle difficoltà derivanti dalla sanzioni finanziarie imposte dall’Europa alla Russia e alle relazioni che intercorrono tra le banche dei vari paesi europei e l’economia russa non solo per l’import-export, ma anche per l’allocazione degli investimenti privati. Il settore finanziario è rimasto molto penalizzato se si pensa che lo STOXX Europe 600 Banks Index ad inizio marzo ha maturato una performance negativa negli ultimi cinque anni di meno 0,8%, mentre nello stesso periodo l’indice STOXX Europe 600 è salito del 42,7% ...

26 marzo 2022
Inserito da:
0 Commenta

 

I sondaggi sul sentiment rilevati dopo l'invasione russa dell'Ucraina riflettono le preoccupazioni delle condizioni economiche e le valutazioni negative sull'inflazione, in particolare in Europa. L'indice tedesco IFO delle aziende è sceso a 90,8 punti di marzo, era a 98,5 a febbraio. Il dettaglio delle componenti vede il crollo record delle aspettative, Business Expectations, di 13,3 punti a 85,1 da 98,4, una discesa in linea all’inizio della crisi da coronavirus nel marzo 2020 di 11,8 punti. Gli imprenditori stanno valutando l’attuale situazione in peggioramento, evidenziata da un calo del sub indice Business Situation comunque relativamente moderato di 1,6 punti a 97. In sintesi la Germania si aspetta tempi difficili, tema che lascia spazio ad una negatività dettata dalle problematiche geopolitiche. In egual misura il sondaggio ZEW ha mostrato l’indice crollare a -39,3 da 93,6 punti, mentre negli Stati Uniti l'indice di sentiment dei consumatori dell'Università del Michigan è sceso a 59,7 nel rapporto preliminare di marzo, il dato più basso dal 2011. Sul piano dei dati macro dobbiamo anche rilevare che i recenti numeri sull'attività cinese per gennaio-febbraio, comunque pre-guerra, hanno superato le aspettative con una crescita annua della produzione industriale, delle vendite al dettaglio e degli investimenti in immobilizzazioni con aumenti rispettivamente del 7,5%, 6,7% e 12,2% ...

25 marzo 2022
Inserito da:
0 Commenta

 

Con il primo rialzo dei tassi negli Stati Uniti, gli investitori si aspettano un inasprimento prolungato da parte della FED che ha chiarito di voler aumentare i tassi rapidamente. Il FOMC, l’organo direttivo della FED sta infatti segnalando un percorso di sei rialzi quest'anno, il che spingerebbe l'intervallo target dei fondi federali a 1,75 - 2% entro dicembre 2022, un punto percentuale in più rispetto alla riunione dello scorso dicembre. Il rendimento del Treasury decennale statunitense si è portato sopra il 2,3% mentre il titolo a due anni rimane ormai a poca distanza al 2,15%. In questo contesto di tassi e rendimenti più alti, gli investitori hanno la necessità di analizzare con attenzione i titoli azioni in portafoglio e optare per asset ad alta qualità e profitti sostenibili. Sotto l’aspetto settoriale dobbiamo sottolineare che tra le classi di attivo che bene hanno interpretato questi prime tre mesi dell’anno si guarda al comparto Healthcare. negli ultimi tre mesi l’indice MSCI Healthcare World in Euro presenta una performance negativa dell’1,75% contro l’indice Globale MSCI World a meno 2,77%; in dettaglio i sub indici globali del comparto in Euro vedono Biotechnology risultare positiva del 3,186%, Pharmaceuticals a + 2,504%, mentre Life Sciences Tools & Services fortemente negativa a - 12,828% ...

19 marzo 2022
Inserito da:
0 Commenta

 

Con negoziati in progressione tra Russia e Ucraina, ma soprattutto per l’interessamento di tutte le più importanti diplomazie e la videochiamata tra i presidenti di Cina e Stati Uniti, le probabilità di una risoluzione sembrano aumentare: potrebbe essere questo il motivo principale per la pausa della pressione negativa sui mercati finanziari, il ritracciamento dai massimi di Gas e Petrolio, e la conseguente ripresa degli asset rischiosi. La settimana si è chiusa con un generalizzato rialzo, in particolare per la risalita dei listini cinesi e del settore tecnologico. In Europa, nelle ultime cinque sedute, l’indice Dax di Francoforte ha visto un recupero di +4,24%, riducendo a meno 10,03% la performance da inizio anno, il FTSE MIB a + 3,86%, -12,65% da inizio anno; dall’altra parte dell’oceano l’indice Usa S&P500 chiude la settimana a + 6,2%, meno 6,95% da inizio anno. Un miglioramento anche a fronte di ulteriori indicazione dal punto di vista monetario; le maggiori Banche Centrali hanno infatti concluso le loro riunioni di marzo con le indicazioni di indirizzo a medio termine ...

17 marzo 2022
Inserito da:
0 Commenta

 

In questo momento di intenso confronto geopolitico in Europa per la crisi militare in Ucraina, il mercato finanziario ha rivolto l’attenzione alla situazione economica degli Stati Uniti che presenta un aumento delle probabilità di recessione e dati inflattivi in accelerazione per l’aumento dei costi di energia e materie prime. Come preannunciato la Fed ha aumentato i tassi a breve dello 0,25%, il primo rialzo dal 2018, segnalando un percorso che, date le prospettive di inflazione, la costringerà a proseguire con un rialzo ad ogni prossima riunione fino al 2023 (25 punti base nei sei prossimi incontri); l’obiettivo è portare il tasso a breve ad incidere sull’inflazione in linea con la revisione post-pandemica globale. Il presidente Jerome Powell ha informato che una decisione sulle misure di contrazione del bilancio Fed saranno indicate nella riunione di maggio ...

Visualizza
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Fidelity
iShares
J.P.Morgan Asset Management
AB Global
Axa Investment Managers
UBS Global Asset Management
Pioneer Investments
Schroders
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
Invest Banca Spa
University Campus
Categorie
Login