29 settembre 2015
Inserito da:
Categorie: Global Allocation
0 Commenta

        

Tra i giganti emergenti, i cosiddetti BRIC, il Brasile continua a persistere nel suo più ampio movimento negativo. A dare la maggiore evidenza è proprio l’indice azionario Bovespa che da inizio anno ha perso oltre il 12%; per completezza indichiamo che in Russia l’indice Rts Index da inizio anno segna -1,89%, in India il Mumbai-Nifty -5,22% e in Cina lo Shanghai Composite -4,13%. A marcare la situazione di criticità è stato il downgrade della società di rating Standard and Poor’s che ha portato il debito sovrano brasiliano a livello di titoli spazzatura (BB+, il più alto dei Speculative Grade) e il mercato che ha segnato il credit default swaps al livello più alto dal 2009.

27 settembre 2015
Inserito da:
0 Commenta

    

Quattro i principali movers che hanno guidato i listini azionari in una settimana alterna: l’indice dei prezzi core in agosto del Giappone segna -0,1%; un possibile taglio alle stime di crescita in Germania da parte del FMI anticipate dalla stampa tedesca; +3,9% la crescita del GDP nel secondo trimestre in Usa; +14,4% a/a gli ordinativi dell’industria in Italia a luglio.

 

24 settembre 2015
Inserito da:
0 Commenta

  

Si è svolta oggi la Tavola Rotonda Virtuale della community dal titolo:

Rally di fine anno storpiato dalla FED?

Il sentiment negativo che ha colpito i mercati estivi non ha trovato sostegno nella banca centrale statunitense che in occasione del FOMC ha dato un segnale ancora incomprensibile sul rialzo dei tassi, facendosi scudo dei dati di bassa inflazione e dei problemi cinesi; restano tuttavia in essere gli spazi di intervento a supporto delle economie per BCE, BoJ e PBoC. Il Presidente della BCE Mario Draghi in occasione delle sue ultime conferenze ha ribadito la sua fermezza sugli obiettivi di crescita e di inflazione per il 2016. Nello stesso modo si sta muovendo Haruhiko Kuroda della BoJ in Giappone, mentre la banca centrale cinese ha dimostrato l’inesperienza nella comunicazione agli operatori in occasione della mini svalutazione dello Yuan lasciando disorientato il mondo finanziario sul sistema finanziario in Cina; il presidente cinese Xi Jinping è volato negli Usa per condividere la strategia del suo paese. Infine a colpire duramente i mercati emergenti con un rialzo della volatilità che ha contagiato molte aree, sono stati i flussi di disinvestimento e il calo dei prezzi delle materie prime.

“La nostra view di base sui mercati non è cambiata nel corso degli ultimi mesi a seguito della volatilità che abbiamo vissuto di recente...” Nonostante la preoccupazione sull’economia cinese, la maggior parte degli Strategist conferma una crescita economica positiva seppur rallentata. “In seguito alla decisione della Fed di non alzare i tassi d’interesse aumenta la pressione su BCE e BOJ per essere ancora più accomodanti.” … La decisione di rimanere ai tassi attuali non vedrebbe la Fed ostaggio del mercato finanziario quanto meno fiduciosa sul percorso di recupero inflattivo e macroeconomico a livello globale.

 La preferenza verso il mercato azionario è meno generalizzata anche se in prospettiva rimane costruttiva nel medio termine. Con il cambiamento di scenario tornano le riflessioni sul mercato obbligazionario e sugli bond a spread …

Relatori alla Tavola Rotonda Virtuale:

Kurt Schappelwein Head of Multi Asset Strategies di Raiffeisen Capital Management, Paolo Federici MD Southern Europe & Latin America Fidelity Worldwide Investment, Donatella Principe Head of Istitutional Business di Schroders Italy SIM, Maria Paola Toschi Market Strategist di J.P.Morgan Asset Management, Gabriele Roghi Responsabile Consulenza Investimenti e Sviluppo Prodotti di Invest Banca, Laura Nateri Country Head di Aberdeen Asset Management in Italy, Antonio Bottillo Executive Managing Director per l’Italia di Natixis Global Asset Management, Cristiano Iacopozzi (Professore universitario), e Corrado Caironi Chief Investment Strategist di R&CA

Leggi la Investment Newsletter con le minute della Tavola Rotonda Virtuale cliccando sul seguente link:

Rally di fine anno storpiato dalla FED?

21 settembre 2015
Inserito da:
Categorie: Sectors
0 Commenta

    

Assistenza alla sensorialità

Gli analisti finanziari hanno da tempo sottolineato l’importanza della mobilità digitale come modello innovativo nell’offerta dei servizi più utili ai consumatori di massa. I tassi di crescita delle vendite degli smartphone sono stati il segnale più evidente che il mercato si stava allargando a dismisura e con esso la domanda di nuove funzionalità. Il viatico di sviluppo è stataovviamente la caduta dei prezzi dei devices che ha fornito l’accesso ad un numero sempre maggiore di acquirenti. Per gli esperti di informatica, la realtà aumentata (AR) pur essendo in gran parte legata ...

19 settembre 2015
Inserito da:
0 Commenta

   

Torna frequente il termine ‘crisi’

Da qualche settimana si è assistito ad un netto aumento dell’uso del termine ‘crisi’ sia nei media digitali che tradizionali, e questo può essere plausibile, ma anche nelle analisi dei gestori di portafoglio, e questo è un po’ più preoccupante. Per i team di Asset Management, lo scatto esagerato della volatilità sui mercati azionari in agosto è stato un campanello di allarme imprevisto dopo un lungo periodo di relativa stabilità ...

Visualizza
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Schroders
Fidelity
UBS Global Asset Management
Invest Banca Spa
Axa Investment Managers
AB Global
Pioneer Investments
J.P.Morgan Asset Management
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
iShares
University Campus
Categorie