28 settembre 2019
Inserito da:
0 Commenta

 

Gli occhi sono rimasti puntati sulla variegata successione di dati ed eventi negli Stati Uniti. La denuncia delle conversazioni tra Donald Trump e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, innesto di un potenziale impeachment chiesto dalla presidente democratica Nancy Pelosi, non ha portato preoccupazioni agli indici azionari che hanno riportato solo lievi cali. I dati statunitensi invece continuano ad implicare una crescita favorevole. Il GDP mantiene le previsioni dei dati del secondo trimestre con una crescita ad un tasso annualizzato e destagionalizzato del 2,0%. L'indice dei prezzi (PCE) per le spese di consumo personale è stato rivisto all'1,9% a/a su base annua (da 1,7%), vicino all'obiettivo del 2% della Federal Reserve. Salvo sorprese, rimane comunque aperta la possibilità che la banca centrale statunitense possa ridurre il tasso sui fondi federali di altri 25 bps entro fine anno ...

27 settembre 2019
Inserito da:
Categorie: Global Allocation
0 Commenta

 

L’attenzione ai cambiamenti climatici ha avuto nelle scorse settimane molti incontri istituzionali a livello internazionale culminati con il vertice Climate Action Summit nel palazzo ONU a New York lo scorso 23 settembre. Le aspettative sugli esiti dell’incontro erano piuttosto limitate, ciò nonostante il risultato si è dimostrato ancor più deludente: numero limitato di interventi e nessun impegno formale. La rappresentante simbolo del movimento ‘Climate Action’, Greta Thunberg, nel suo discorso introduttivo ha spronato l’assemblea ad un intervento deciso, a cui sono seguite solo risposte elusive.

Sguardo positivo degli investimenti

Ma se la politica si muove con troppa calma, un contributo positivo è arrivato dal mondo della finanza. Diversi gestori di fondi stanno predisponendo piani di investimento a favore di società allineate agli obiettivi della COP21 ed emissioni nette zero entro il 2050; più investimenti sono arrivati al Green Fund (7 mld di dollari), fondo destinato ad aiutare le nazioni in via di sviluppo nelle questioni climatiche, con l'impegno concreto di Svezia, Danimarca, Norvegia e Svizzera di raddoppiare il proprio contributo

 

24 settembre 2019
Inserito da:
Categorie: Global Equities
0 Commenta

 

Uno dei fenomeni che si continua a guardare con attenzione, quando si attiva una revisione di asset allocation nei portafogli di investimento, è il differenziale sempre più marcato tra rendimento dei titoli sovrani e quello derivante dal dividendo azionario. In questi ultimi anni il divario è diventato molto elevato soprattutto nelle regioni le cui banche centrali hanno previlegiato la strategia dei tassi negativi, vedi Banca Centrale Europea, i cui tassi di riferimento sui depositi sono a meno 0,5%, e quella giapponese a meno 0,1%. In realtà il problema riguarda un po’ tutti i mercati internazionali. L’aspetto che ha più richiamato l’attenzione in agosto è stata la forte contrazione del rendimento del Treasury USA trentennale che sfondando il 2% è sceso addirittura sotto il rendimento (Dividend Yield) dell’indice S&P500. La scelta della FED di abbandonare la politica restrittiva ...

21 settembre 2019
Inserito da:
0 Commenta

  

Con le riunioni di BCE, FED, Bank of Japan e Bank of England si è conclusa la prima sessione di meetings delle più importanti banche centrali, dopo la pausa estiva. Se da un lato non ci sono state particolari sorprese si deve invece sottolineare che la Federal Reserve, dopo la riduzione di 25 bps dei FED Funds (1.75-2.00%), ha dovuto iniettare decine di miliardi di dollari nel sistema finanziario per quatto giorni consecutivi, in un intervento atto a stabilizzare le condizioni del mercato monetario americano dopo un segnale di aumento della volatilità ...

20 settembre 2019
Inserito da:
Categorie: Sectors
0 Commenta

 

Con i listini americani ritornati vicini ai massimi storici gli analisti finanziari cercano nei temi di investimento le giuste motivazioni per monitorarne l’evoluzione. Uno dei settori di maggior interesse rimane quello tecnologico che è diventato di difficile ‘stock picking’ in un mondo presidiato dai Giganti Tech. Eppure le analisi trovano solide basi di sviluppo: dopo un decennio concentrato su tecnologie per i consumatori finali sembra avanzare il momento delle imprese. Sono tanti i temi da monitorare: Intelligenza Artificiale (AI), Veicoli Autonomi, Hardware per Internet of Things (IoT), Software industriale, Robotica e Semiconduttori.  I numeri sono in crescita continua a due cifre anche per i prossimi anni: nel 2025 gli investimenti annuali raggiungerebbero 2.200 mld$ ovvero il triplo degli attuali; le stime vedrebbero il 40% provenire dai software di AI, il 40% dai Veicoli a guida autonoma e il 20% dall’hardware IoT ...

Visualizza
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Schroders
Fidelity
UBS Global Asset Management
Invest Banca Spa
Axa Investment Managers
AB Global
Pioneer Investments
J.P.Morgan Asset Management
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
iShares
University Campus
Categorie