9 dicembre 2017
Inserito da:
0 Commenta

 

Bene il mercato del lavoro Usa

Il dato sul mercato del lavoro statunitense segnala un rapporto nuovamente positivo con una dinamica ancora sopra le attese; le nuove buste paga ‘non agricole’ sono aumentate di 228.000 unità a novembre, guidate da aumenti nella produzione industriale di 31.000 posti, costruzione 24.000 e servizi professionali per 46.000. Il report vede un aumento della settimana lavorativa media di un’ora a 34,5 ore per i dipendenti del settore privato e il tasso di disoccupazione invariato del 4,1%, ai minimi da 17 anni. E’ interessante notare che la crescente occupazione non si è ancora tradotta in inflazione salariale. Lo stipendio orario medio di $ 26,55 è aumentati dello 0,2 percento a novembre, mentre è stato rivisto di un decimo inferiore quello del mese precedente a 0,1%; ora il tasso annuo di incremento dei salari è del 2,5%, dato storicamente basso per questa fase del mercato.

 

6 dicembre 2017
Inserito da:
0 Commenta

 

Con l’annuncio dell’approvazione della riforma fiscale da parte del Senato statunitense, tema promosso costantemente dal presidente Donald Trump, il quadro di riferimento alla crescita sembra apportare un miglioramento già per i prossimi mesi. Gli economisti hanno ulteriormente ribassato i rischi per un possibile e ormai prematuro declino ciclico degli Stati Uniti e aggiornato le analisi degli scenari macroeconomici in positivo dopo il rialzo del GDP al +3,3% nel terzo trimestre. Da questo lato dell’Atlantico, l'ultimo sondaggio macroeconomico della Commissione Europea ha mostrato che gli indicatori di fiducia nella zona Euro sono ai massimi da 17 anni, mentre le intenzioni di nuove assunzioni di lavoro hanno raggiunto il massimo da trent’anni. Secondo un'indagine semestrale della banca centrale BCE anche la crescita dei profitti per le piccole e medie imprese dell'Eurozona risulta la migliore dal 2009 ...

2 dicembre 2017
Inserito da:
0 Commenta

 

Gli indici azionari continuano la recente fase laterale caratterizzata nelle ultime sedute da una presa di beneficio sui settori che meglio hanno performato da inizio anno quali tecnologici, industriali e retailer e acquisto di utilities, telecom e media. In termini di mercati azionari per regione le performance da inizio anno vedono il buon andamento del mercato italiano (+30%) che guida la classifica, i mercati statunitensi S&P500 (+20,5%) ed invece all’ultimo posto la Gran Bretagna che presenta un + 8% che non convince se confrontato tenendo conto della perdita di valore della sterlina di circa il 4% sull’Euro a causa dell’incertezza sulla Brexit. Con l’inizio di dicembre si attendono le indicazioni degli strategist di portafoglio per il nuovo anno che al momento trovano qualche dubbio sul segmento obbligazionario nonostante i dati sull’inflazione non siano ad oggi allarmanti ...

 

29 novembre 2017
Inserito da:
0 Commenta

 

Ci sono alcune regole che ci hanno da sempre aiutato nella composizione dell’asset allocation e che derivano da relazioni e correlazioni che nel tempo hanno avuto modo di sedimentare e offrono temi consolidati. Tra questi è quello del ‘More growth, dearer money’ ovvero in una economia in crescita il denaro risulta più caro. Infatti quello che sta avvenendo negli Stati Uniti è proprio un primo movimento di rialzo dei tassi da parte della FED a fronte di una buona ripresa dell’economia rappresentata innanzitutto dal forte arretramento del tasso di disoccupazione. Eppure l’altro tema molto inerente alle regole è quello del tasso di inflazione ‘addomesticato’ che in una economia come quella degli Usa, dove i consumi sono in ripresa, non offre particolari indicazioni ...

26 novembre 2017
Inserito da:
0 Commenta

 

Il ritornello degli sconti del Black Friday e del Cyber Monday ha invaso tutto il mondo dei consumi e dopo la festività statunitense del Thanksgiving sono iniziate le grandi manovre promozionali in piena accelerazione in vista delle vacanze natalizie. Secondo gli esperti la stagione è iniziata bene rispettando le attese, i numeri saranno completati con la volata del week end e di lunedì. La combinazione tra l’analogico degli acquisti direttamente presso i centri commerciali e via e-commerce, trova sempre più ragioni per una competizione che vede il continuo aumento gli acquisti online, non solo negli Stati Uniti ma anche nei pesei emergenti come la Cina. La dimostrazione è ormai carica di esempi come per il ‘Single’ Day’ dell’11 novembre scorso quando la piattaforma cinese di Jack Ma, Alibaba, ha venduto in un giorno prodotti in tutto il mondo per oltre 25 mld$ (15 mld nel 2016) ...

 

Visualizza
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Schroders
Fidelity
UBS Global Asset Management
Invest Banca Spa
Axa Investment Managers
AB Global
Pioneer Investments
J.P.Morgan Asset Management
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
iShares
University Campus
Categorie
Login
Archivio