26 marzo 2021
Inserito da:
Categorie: Global Allocation
0 Commenta

 

Il mercato azionario cinese si muove al ribasso sotto la pressione sia della rotazione settoriale globale, validata dall’irripidimento della curva dei Treasury americani, che per l’inasprimento delle relazioni diplomatiche di Stati Uniti ed Europa nei confronti della Cina: dopo l’ottimo andamento di inizio anno l’indice MSCI China si presenta con il netto calo di marzo di circa il 6%. La ripresa globale rimane bilanciata dai rischi di efficacia dei vaccini, mentre la domanda esterna per le esportazioni e l’influenza sulle partite correnti dettano un calo del momentum di mercato. Le autorità cinesi hanno fissato un obiettivo di crescita del GDP più facile da raggiungere, per il 2021 ‘sopra il 6%’, rispetto alle stime di consenso del mercato, panel di Bloomberg: +8% e del Fondo Monetario Internazionale FMI all’8,1%. Il governo cinese pone l’attenzione alle potenziali turbolenze guidate da un Tapering dei QE delle banche centrali in una fase delicata della riapertura di tutti i settori. Sull’obiettivo inflazione è stato fissato un target del 3%, ed evidenziata la creazione di oltre 11 milioni di nuovi posti di lavoro urbani nell'anno, rispetto ai 9 dell'anno scorso, con un tasso di disoccupazione urbano al 5,5%, rispetto al 6% del 2020. Non mancano i dubbi sulla strategia sanitaria che ha visto la Cina essere la prima nazione a presentare un vaccino anti-Covid e risultarne ultima nelle vaccinazioni ...

23 marzo 2021
Inserito da:
0 Commenta

   

L'attenzione del mercato rimane sull'aumento dei rendimenti obbligazionari in relazione a possibili scatti dell'inflazione e una reazione malcelata delle banche centrali. L’irripidimento della curva americana ha visto il rendimento del Treasury USA a 10 anni salire fino all'1,75%, mentre il 30 anni avvicinarsi al 2,5%. A fronte di una sottoperformance del Treasury (l’ETF Ishares $ Treasury 7-10yr a -14,4% in 12 mesi) gli analisti confermano che le azioni offrono ancora un interessante rendimento potenziale su base assoluta in grado di assorbire rendimenti più elevati in uno scenario di forte riaccelerazione della crescita economica. D’altro canto la Fed da tempo ribadisce il suo impegno per una politica che tenga i tassi bassi attraverso il suo programma di acquisto di obbligazioni, tema che gli operatori di mercato temono interrompersi sulla parte più lunga della curva, sulla scia della congiuntura positiva e l'appetito della Fed per un'inflazione superiore al 2%. La risalita del rendimento a 10 anni ha visto lo spread 2-10y continuare ad allargarsi sfino a 160 bps; anche il dollaro USA è rimbalzato contro le principali valute arrivando contro Euro fino a 1,18. La velocità del movimento sul mercato statunitense potrebbe aver spinto in aree inattese, sicuramente da verificare nelle prossime sedute; una revisione potrebbe trovare spazio, aiutata dalla banche centrali stesse ...

12 febbraio 2021
Inserito da:
Categorie: Global Allocation
0 Commenta

 

La Cina sta completando i preparativi per i festeggiamenti del suo capodanno lunare del 12 febbraio. L’inizio del nuovo anno è una ricorrenza particolarmente sentita, definita anche Festival di Primavera, anche se da due anni a questa parte la diffusione del Coronavirus ha costretto la popolazione a subire restrizioni sia negli spostamenti che nelle tradizionali e coloratissime manifestazioni di piazza. Nell'astrologia popolare il nuovo anno ritrova la figura del Bue 牛 (o Bufalo) a rappresentare il ruolo importante della prosperità del settore agricolo, animale a cui vengono infatti attribuite caratteristiche positive, come il duro lavoro, l’intelligenza, la mitezza e l’onestà. Secondo la tradizione cinese il Bue è il secondo di tutti gli animali dello zodiaco. La leggenda racconta che l'Imperatore di Giada volle dare un ordine agli animali, deciso dalla sequenza di arrivo di un determinato percorso. Il Bue, che stava precedendo tutti gli altri animali, si era preso la briga di portare su di sé il Topo che furbescamente nelle vicinanze dell’arrivo fece un lungo balzo proprio davanti all’imperatore, lasciando quindi al secondo posto il generoso Bue. L’anno del Bue terminerà il primo febbraio 2022 quando inizierà quello della Tigre ...

4 febbraio 2021
Inserito da:
Categorie: Global Allocation
0 Commenta

 

Scontati gli effetti di incertezza generale che prima hanno condizionato le previsioni politiche, con lo scontro acceso tra Joe Biden e Donald Trump e la netta vittoria alle presidenziali del democratico, e le chiara difficoltà di programmare una campagna vaccinale estesa che possa dare un orizzonte temporale alla riapertura di tutti i settori economici, gli strategist di portafoglio si dimostrano comunque prudenti su un proseguimento fortemente positivo dei mercati azionari. Le motivazioni principali riguardano soprattutto due rischi finanziari chiave che limiterebbero un aumento ulteriore delle valutazioni, ovvero, l’atteggiamento ultra-espansivo promesso dalle banche centrali, soprattutto davanti ad un’impennata dell’inflazione attesa, e il secondo, un ritorno consistente dell’occupazione, fattore necessario a far ripartire i consumi e rimettere in circolo l’eccesso di risparmio accumulato negli ultimi trimestri. In questi ultimi anni la spinta al mercato azionario è stata determinata in prevalenza dal concetto di innovazione, e guidata in particolare dai titoli tecnologici o ritenuti tali: vedi ad esempio titoli come Amazon o Apple che di fatto sono rappresentativi di e-commerce o costruttori di device. Dopo i nuovi record raggiunti dagli indici statunitensi gli analisti si stanno chiedendo se la fase di rialzo di questi settori qualificati ad alta crescita - “growth” - potrà essere in qualche modo rallentata a favore delle società “value”, in virtù dei Recovery Funds, con business comunque in ampia evoluzione ...

29 gennaio 2021
Inserito da:
0 Commenta

 

Dopo un elevato numero di sedute borsistiche orientate a nuovi massimi storici, la volatilità è tornata a farsi viva con un balzo dell’indice VIX da un recente minimo di 21,3 punti agli attuali 35,7. Sebbene il pacchetto di stimoli presentato dal neo presidente Biden abbia di colpo imposto un rimbalzo dei settori ciclici, alimentati dall'ottimismo per la conquista dei due senatori della Georgia che aumentano le probabilità della approvazione al Congresso federale del generoso pacchetto di stimoli fiscali, si teme che la Federal Reserve possa diminuire l’espansione monetaria statunitensi nel caso di una forte ripresa. Gli analisti rimangono comunque positivi sul mercato azionario sottolineando che a differenza di inizio mese, il recente rally era stato guidato nuovamente dai titoli Growth e Tecnologici ad alta capitalizzazione, smentendo l’idea che la rotazione verso i ciclici fosse terminata. Lo stimolo proposto da Biden di circa 1 trilione di dollari tende a ridare slancio alla ripresa economica prima di un potenziale aumento delle tasse. L’obiettivo preminente del neo Presidente rimane quindi l’accelerazione della campagna di vaccinazione e l’uscita dello stato emergenziale che opprime l’economia americana ...

Visualizza
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Fidelity
iShares
J.P.Morgan Asset Management
AB Global
Axa Investment Managers
UBS Global Asset Management
Pioneer Investments
Schroders
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
Invest Banca Spa
University Campus
Categorie