25 novembre 2022
Inserito da:
0 Commenta

 

Le prospettive di un rallentamento economico trovano in evidenza i dati sul mercato immobiliare e l’analisi pertinente all'aumento dei tassi ipotecari che sta riducendo l'accessibilità economica degli alloggi, US Housing Affordability Index, con un netto calo sia degli acquisti di case che dei permessi per le nuove costruzioni. Dal punto di vista dei prezzi le abitazioni hanno iniziato un calo da agosto sebbene il valore dell’indicatore United States FHFA House Price Index risulti da inizio anno superiore del 4,9%. Il restringimento del mercato sta comunque generando una minore offerta di alloggi e un aumento dei costi di affitto e spese abitative quale componente molto importante dell'inflazione core. Tassi di interesse più elevati stanno infatti costringendo i potenziali acquirenti di case a competere con un mercato limitato e orientato all’affitto con una spesa di locazione aumentata da inizio anno del 20,6%. Inevitabilmente la banca centrale Fed, concentrata sul contenimento delle misure di inflazione, ha indicato un punto di attenzione nel definire i prossimi interventi monetari ...

29 settembre 2022
Inserito da:
Categorie: Global Bonds
0 Commenta

 

In una visione di medio termine gli investitori dovrebbero fare affidamento su un approccio disciplinato all'asset allocation, soprattutto durante i periodi di incertezza. Il forte cambiamento della politica restrittiva delle banche centrali sembra comunque imporre un processo di riequilibrio e l’introduzione di nuovi aspetti valutativi che indichino come indirizzare la liquidità nei trimestri a venire. Da un lato la redditività rivista del Fix Income sta ponendo nuove sfide alle altre classi di attivo, dall’altra gli investitori dovrebbero porre attenzione ai segnali che potrebbero indicare l'inizio di un nuovo ciclo azionario rialzista. Secondo gli strategist ci sono numerosi aspetti specifici che gli investitori dovrebbero seguire, e una combinazione dei quali potrebbe porre le base per il prossimo trend rialzista degli indici. I mercati ora stanno subendo una ‘fase di ricalcolo’ cercando di prezzare nel mercato finanziario l’impatto di tassi più elevati, dollaro forte, crescita economica e utili in calo, e allo stesso tempo, un aumento del rischio geopolitico. Le indicazioni incerte che si prospettano nei prossimi mesi sembrano sostenere un mercato instabile e volatile, anche se a fine anno potremmo stimare uno scenario sul 2023 di maggiore visibilità ...

10 giugno 2022
Inserito da:
0 Commenta

 

La riunione della banca centrale BCE ha manifestato un atteggiamento volutamente restrittivo e da falco prospettico; ora gli operatori non solo si aspettano, come indicato, il rialzo del tasso di 25 pbs a luglio, ma anche aumenti di 50 pbs a settembre e ottobre, per chiudere l’anno con ulteriori 25 pbs a dicembre. La Banca Centrale Europea ha anche aggiornato le stime di inflazione nel 2022 al 6,8% rispetto alla previsione di marzo del 5,1%. Già durante la conferenza stampa di Christine Lagarde il mercato finanziario ha mostrato un forte aumento della volatilità sui listini azionari e di sbandamento sui governativi con il rendimento del Bund 10y in avvicinamento all’1,5% per riposizionarsi a 1,42%.  La domanda dei giornalisti circa le precedenti previsioni, distanti dalle nuove, dimostra la difficile comunicazione delle guidance della banca centrale e dei sui uffici studi. Sulla scia dell'allargamento e dell'intensificarsi delle pressioni inflazionistiche, le stime degli economisti BCE trovano l'inflazione core al di sopra dell'obiettivo per tutto l'orizzonte di previsione, prospettando spazio per un maggiore inasprimento della politica monetaria ...

10 marzo 2022
Inserito da:
0 Commenta

 

Il messaggio della presidente BCE Christine Lagarde ha illustrato le preoccupazioni per l'aumento dell’inflazione a seguito della situazione geopolitica e delle prospettive di crescita economica riviste al ribasso. Le discussioni in seno al Consiglio hanno visto posizioni in più direzioni, con banchieri a favore dell’immobilismo attendista e altri pronti a ridurre gli acquisti netti senza condizioni e predisporsi all’aumento dei tassi chiave. Gli aspetti che hanno influito sul mercato obbligazionario sono stati la determinazione sulla chiusura degli acquisti entro giugno e ovviamente la chiara intenzione di procedere ad una normalizzazione dei tassi di interesse di riferimento entro l’anno, nell’idea di sostenere il rientro dell’inflazione. Il processo di riduzione degli acquisti si sta dimostrando rapido con la chiusura del PEPP a fine marzo, come previsto, e la scaletta decrescente di acquisti dell'APP (Asset Purchase Program) con 40 mld di Euro ad aprile, 30 mld a maggio, 20 miliardi a giugno con l’idea di un sua conclusione nel terzo trimestre; di fondo, la precisazione di una flessibilità lascerebbe intendere ad un possibile acquisto finale a luglio di 10 mld Euro prima della conclusione. Il Consiglio ha comunque confermato il reinvestimento di titoli in scadenza e delle cedole ...

27 gennaio 2022
Inserito da:
0 Commenta

  

Nella conferenza stampa della FED, il presidente Jerome Powell si è di fatto ‘rifiutato’ di fornire chiarimenti sul ritmo degli rialzi dei FED Funds, dicendo invece che gli interventi della Fed saranno guidati dai prossimi dati effettivi. Tuttavia ha riferito che ci sono gli spazi per aumentare i tassi di interesse senza danneggiare il mercato del lavoro e la crescita economica secondo le indicazioni di ampio consenso in seno al Comitato esecutivo FOMC. Le osservazioni fornite durante le conferenza stampa hanno sottolineato il diverso stato dell'economia rispetto all'ultimo ciclo in cui i rialzi dei tassi sono avvenuti gradualmente. Powell non ha voluto entrare nel merito del processo di rialzo dei FED Funds informando che i singoli partecipanti al comitato stanno ancora valutando il probabile ritmo di salita nel rispetto delle singole previsioni e che solo in occasione dell’incontro di marzo ci saranno ulteriori dettagli. Powell ha inoltre osservato che la FED non è l'unico ‘giocatore in città’, poiché anche l'impulso fiscale meno positivo avrà un effetto ‘restrittivo’ sulla crescita di quest'anno, contribuendo a contenere le pressioni inflazionistiche. Riguardo al bilancio della banca centrale, Powell non ha fornito molte più informazioni sostenendo che il FOMC sta solo iniziando la discussione sebbene il processo potrebbe iniziare a breve e procedere più velocemente dell'ultima volta ...

Visualizza
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Fidelity
iShares
J.P.Morgan Asset Management
AB Global
Axa Investment Managers
UBS Global Asset Management
Pioneer Investments
Schroders
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
Invest Banca Spa
University Campus
Categorie
Login