18 giugno 2019
Inserito da:
Categorie: Global Equities, Sectors
0 Commenta

     

Com’è lo stato di salute dei Big Tech americani dopo i richiami della giustizia statunitense? In senso più ampio il settore Technology Usa rappresenta oggi il 21,1% della capitalizzazione dell’indice S&P500, ad inizio 2018 il peso era del 23,8%. La contrazione delle valutazioni ha rappresentato il maggiore calo settoriale nell’indice statunitense anche se ad inizio 2016 il settore tecnologico rappresentava il 20,7%. Le attese di crescita degli utili nei prossimi 12 mesi risultano moderate intorno a +6% con un rapporto prezzo/utili (P/E ratio fwd12m) del 17,6x (20,3x media storica a 20 anni) e un Dividend Yield di 1,7% (1%). Per raffronto il P/E ratio Fwd 12m dell’intero indice S&P500 risulta di 16.2x e il Div. Yield di 2,2% ...

16 maggio 2019
Inserito da:
0 Commenta

    

Con una leggera fiammata della volatilità, prevalentemente imputata ai tweet del presidente Donald Trump sulle relazioni commerciali con Pechino, i mercati finanziari hanno simulato, dopo una forte scossa tettonica, una prova generale di tenuta, nonostante non siano mancati importanti movimenti nei flussi. La prima ad essere coinvolta è stata la Cina che in poche sedute ha visto una caduta dei listini di oltre il 10% a fronte di una svalutazione dello Yuan verso dollaro Usa del 2,5%. L’indice VIX, che nel mese di aprile era rimasto intorno a 12 punti, ha superato quota 20 punti il 13 maggio, per poi ritracciare agli attuali livelli di 16,5; anche i listini statunitensi hanno comunque risentito del contraccolpo, soprattutto a seguito dell’aumento dei dazi sui prodotti cinese da 10% al 25%, con l’S&P500 che dai massimi di 2945 punti è arrivato a perdere in poche sedute 135 punti (- 4,5%) ...

 

6 maggio 2019
Inserito da:
Categorie: Global Equities
0 Commenta

          

La sorpresa positiva riferita al primo trimestre, che ha mostrato un dato di crescita del GDP statunitense del 3,2% annuo, un punto oltre le attese del 2,2%, viene in parte confermata dall’aumento di oltre il 5% dei ricavi delle principali aziende quotate. A cambiare invece le carte in tavola, dopo i report di circa l’80% delle società appartenenti all’indice S&P500, sono le stime sugli utili del primo trimestre dell’anno con EPS superiori alle previsioni attese invece in forte calo. Il dato complessivo che combina i risultati societari effettivi già rilevati e le stime per le società che ancora devono fornire i dati, misura una riduzione degli utili per il primo trimestre di solo un - 0,8% rispetto ad un calo ipotizzato a gennaio di - 3,5%. Come sottolineato da Corrado Caironi, Strategist di R&CA, il risultato finale del trimestre potrebbe mirare al positivo. Risulta invece evidente che se il dato complessivo finale confermasse il - 0,8%, questo segnerebbe una riduzione dei profitti anno su anno per la prima volta dal secondo trimestre 2016 (-3,2%) ...

15 marzo 2019
Inserito da:
Categorie: Sectors
0 Commenta

   

In un ciclo economico sempre più maturo, destinato ad una rotazione che sembra non arrivare mai, e un lungo periodo di panchina, in cui gli investitori hanno preferito i settori ad alta crescita o più genericamente Growth, da alcuni mesi gli operatori finanziari sono tornati a guardare con attenzione, e accumulare, i settori ritenuti difensivi o Value. In realtà già alla fine dello scorso anno, mentre l'indice MSCI World in val. loc. presentava per l’intero 2018 un calo del 9,9%, il settore salute con l’indice MSCI World Healthcare (Euro) ha segnato un rialzo del 4,75%. Tutto il settore salute in verità era stato accantonato per un lungo periodo a causa del dibattito politico a cui le aziende erano rimaste esposte, non ultimi i numerosi attacchi sul ‘caro farmaci’ negli Stati Uniti da parte dei contendenti Ilary Clinton e Donald Trump nella campagna elettorale presidenziale ...

8 marzo 2019
Inserito da:
0 Commenta

 

Dal ‘Wait and see’ all’azione, questa potrebbe essere sembrata l’intenzione della BCE in un clima di ritorno all’allarme generale dal lato della crescita economica dell’area Euro. Il governatore Mario Draghi ha riportato in modo chiaro una situazione meno rassicurante rispetto alle nuove stime di crescita per il 2019 decisamente più basse delle precedenti, da + 1,7% a 1,1% e di attese di inflazione in moderato aumento per la ripresa dei prezzi del greggio. In conclusione: tassi invariati fino a fine anno, continuità del reinvestimento di cedole e titoli a bilancio, acquisiti con il Quantitative Easing, e nuove operazioni di rifinanziamento dopo l’estate ...

Visualizza
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Schroders
Fidelity
UBS Global Asset Management
Invest Banca Spa
Axa Investment Managers
AB Global
Pioneer Investments
J.P.Morgan Asset Management
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
iShares
University Campus
Categorie