20 gennaio 2022
Inserito da:
0 Commenta

 

Il prossimo primo febbraio inizierà in Cina l'anno della Tigre d'Acqua. Con la lunga Festa di Primavera aperta dal Capodanno Cinese, data che cambia ogni anno tra fine gennaio e fine febbraio, la popolazione del più grande paese mondiale celebra l’arrivo del nuovo anno all’insegna della speranza di salute e belle novità; le celebrazioni durano 16 giorni, dalla vigilia di Capodanno alla Festa delle Lanterne, seguendo il calendario lunare tradizionale: il periodo è chiamato 立春 Lìchūn, che significa infatti ‘inizio della primavera’. Dalle prime indicazioni ad approfittare proprio del segno saranno gli stilisti di moda; per la ricorrenza tutte le più importanti maison globali presenti in Cina propongono al mercato collezioni dedicate dove primeggia l’immagine della tigre in sfondo prevalentemente rosso, colore portafortuna. Anche quest’anno si prevedono comunque limitazioni negli spostamenti per frenare la diffusione della variante Omicron del Covid, tema che preoccupa l’autorità cinese e pesa sull’economia del paese ...

13 dicembre 2021
Inserito da:
0 Commenta

 

L’evento Risk On Risk Off 2022, dal titolo Real Economy First, vede l’analisi del cambiamento strutturale dei portafogli di investimento alla luce del contesto di ripresa economica in atto, ma altresì dai segnali restrittivi della politica monetaria. All’interno di questo scenario in rapida evoluzione dove, in questi due anni di pandemia, sono stati ridisegnati nuovi modelli di business e introdotte consuetudini sconosciute per la maggior parte delle persone, ci si confronta con una revisione delle iniziative di gestione dei portafogli di investimento.

Obiettivi dell’evento digitale, guardare al prossimo anno con una visione prospettica sui mercati finanziari e dare concretezza alla gestione del portafoglio con soluzioni di investimento che possano creare valore in un orizzonte temporale prolungato.

L’agenda prevede l’Investment Outlook 2022, a cura del dott. Corrado Caironi - Investment Strategist di R&CA; Strategie di Portafoglio di investimento a cura del Prof. Cristiano Iacopozzi - Docente di Asset Allocation, Facoltà di Economia, Università di Siena; Soluzioni di investimento per il 2022, con i Money Manager: Natale Borra - Fidelity International, Antonino Cipriano - BNP Paribas AM, Manuel Pozzi - M&G Investments, Giancarlo Sandrin – LGIM e Max Maria Traversone - Raiffeisen CM 

Visita le stanze digitali al seguente link:

Risk On Risk Off 2022 - Real Economy First

Tutte le interviste su:

FinaTv.net

25 novembre 2021
Inserito da:
0 Commenta

 

La discussione sugli interventi restrittivi della Federal Reserve nella politica monetaria statunitense si fa più incisiva ora che Joe Biden ha confermato Jerome Powell alla guida della banca centrale. Dobbiamo anche sottolineare che la presenza come vice della candidata alla successione di Powell, Lael Brainard, democratica, ex sottosegretaria al Tesoro con Barack Obama, e parte del consiglio dei governatori della Fed dal 2014, non ha provocato reazioni particolari se non commenti di uno slittamento più ‘dovish’ e accomodante della vice presidenza rispetto all’equilibrio precedente. Nella nota stampa della Casa Bianca il presidente Biden ha voluto manifestare la sua piena fiducia nell’esperienza, nel giudizio e nell’integrità di Powell e Brainard nel rispetto della continuità dei mandati e per la visione di aiuto nella ricostruzione economica del paese. In attesa dell’approvazione del Congresso la Casa Bianca ha inoltre anticipato che ai primi di dicembre il presidente Biden annuncerà le nomine dei tre posti vacanti nel FOMC della Federal Reserve ...

6 ottobre 2021
Inserito da:
0 Commenta

 

Si è svolta oggi la Tavola Rotonda Virtuale della community dal titolo: 

Fattore ‘Colli di Bottiglia’ … Il periodo estivo ha cominciato a marcare alcuni trend già presenti nelle riflessioni di inizio anno, ma che prima del loro ingresso in campo avevano bisogno di smarcare il tema della vaccinazione anti Covid; in primo luogo il Tapering delle banche centrali a fronte delle diverse velocità di ripresa economica; il secondo quello dei prezzi di materie prime e prodotti energetici, elementi del processo reflattivo; il terzo quello geopolitico con la figura di Joe Biden al centro di un’arena che vede Usa, Cina e Europa in una ampia negoziazione commerciale, industriale, ambientale e digitale ...

… Nel recente periodo estivo le borse azionarie cinesi sono state ostaggio di una volatilità nettamente superiore ai maggiori mercati internazionali, fattore che continua ad influenzarne negativamente le performance; da inizio anno l’indice MSCI World in val loc è salito del 13,8%, mentre il MCSI China val loc ha perso il 19,4%. Il nervo scoperto cinese risulta la crescita economica …

Per le stime di crescita globale degli utili societari, oltre al fattore Cina, si aggiunge il ‘collo di bottiglia’ delle catene di approvvigionamento, vedi il problema di microchip e semilavorati, ma anche dell’impennata dei costi di noli marittimi e trasporti in genere.

Relatori alla Tavola Rotonda Virtuale:

Kurt Schappelwein Responsabile Team Multi-Asset Strategies di Raiffeisen Capital Management; Giancarlo Sandrin Country Head Italy di LGIM Managers (Europe); Manuel Pozzi Investment Director Italy di M&G Investments, Maria Paola Toschi Global Market Strategist di J.P.Morgan Asset Management; Antonino Cipriano Senior Sales Manager di BNP Paribas Asset Management, Andreas Riegler Responsabile Team Global Fixed Income di Raiffeisen Capital Management; Massimo Dalla Vedova Director Financial Institutions di Alliance Bernstein; Toby Nangle Global Head of Asset Allocation, Head of Multi-Asset, EMEA di Columbia Threadneedle Investments; Cristiano Iacopozzi Docente di Asset Allocation, Facoltà di Economia, Università di Siena e Corrado Caironi Chief Investment Strategist di R&CA

Leggi la Investment Newsletter con le minute della Tavola Rotonda Virtuale cliccando sul seguente link:

Minute della TRV: Fattore ‘Colli di Bottiglia’ 

24 settembre 2021
Inserito da:
Categorie: Global Allocation
0 Commenta

 

Nella crisi finanziaria del costruttore immobiliare cinese Evergrande si evidenziano i nodi che il sistema Cina si trascina da tempo, non ultimo il forte aumento dell’indebitamento del paese che secondo diverse fonti risulta addirittura vicino al 300% del GDP, a fronte di tassi di crescita economica in graduale rallentamento. Gli operatori specializzati sul mercato immobiliare cinese avevano avvertito un segnale di rischio; il numero 300 sarebbe anche l’esposizione in miliardi di dollari del colosso immobiliare che ha annunciato la difficoltà nel pagamento di interessi e cedole degli impegni in scadenza nei giorni scorsi. Le conseguenze di un default disordinato sarebbero disastrose per il settore immobiliare e di impatto negativo su quello bancario e finanziario. In una fase di decelerazione economica sotto l’effetto della pandemia, la Cina risulterebbe altamente vulnerabile a fronte di un crollo generalizzato dei prezzi della proprietà, in parte simile alla ‘crisi dei subprime’ degli Stati Uniti del 2008, e alle relative conseguenze. L’esperienza statunitense sta generando una chiara riflessione alle autorità cinesi, sebbene Pechino non sarà disposto ad un salvataggio diretto della società, mentre cercherà di limitare il danno di un completo collasso chiedendo alle banche di rinnovare i prestiti, ristrutturare il pagamento degli interessi imponendo nuovi scarti di garanzia e garantendo ai singoli acquirenti delle abitazioni la massima protezione ...

Visualizza
Condividi
Cerca
 
Aziende in evidenza
R&CA - Research & Capital Allocation
Fidelity
iShares
J.P.Morgan Asset Management
AB Global
Axa Investment Managers
UBS Global Asset Management
Pioneer Investments
Schroders
24OREFORMAZIONE|EVENTI – Il Sole 24 ORE
MORNINGSTAR
Aberdeen Asset Management
Invest Banca Spa
University Campus
Categorie